Videomapping d’eccellenza targata Epson per il “Tones on the Stones”

Immaginate un teatro ricavato in una ex cava industriale ai piedi delle Alpi, dove la tecnica del videomapping permette di coinvolgere gli spettatori con immagini ed animazioni proiettate sulle pareti di roccia. E’ quello che succede a “Tones on the Stones“, il festival di produzione contemporanea a carattere immersivo che si tiene in Val d’Ossola dal 22 luglio al 5 settembre nel teatro stabile di pietra, dove quattro videoproiettori Epson con tecnologia di proiezione 3LCD trasformano le pareti di roccia in qualcosa di vivo e regalano l’impressione che la realtà si animi, con il risultato di uno spettacolare effetto visivo.

In occasione di Tones on the Stones, il Tones Teatro Natura, sede degli spettacoli e teatro stabile di pietra che prende vita da un ex spazio industriale ai piedi delle Alpi, i videoproiettori Epson sono utilizzati in due spettacoli multimediali: Not(t)e di stelle, il grande evento immersivo dedicato al repertorio operistico che si inserisce nella sezione Tones on the Stones, e la Prima Mondiale di The End of the World, lo spettacolo multimediale che “celebra la bellezza del Pianeta, ma anche una drammatica rappresentazione artistica del disastro ecologico e della condotta autodistruttiva del genere umano”.

Grazie alla tecnica del videomapping resa possibile da quattro videoproiettori EB-L25000U, i partecipanti “vivono” le performance artistiche in maniera coinvolgente: le soluzioni Epson, proiettando immagini e animazioni sulle pareti di roccia, trasformano le superfici in qualcosa di vivo e regalano l’impressione che la realtà si animi con il risultato di uno spettacolare effetto visivo.

EB-L25000U

Per Maddalena Calderoni, direttore artistico di Tones on the Stones, poter contare su un partner tecnico come Epson, capace di garantire la massima qualità in un contesto così sfidante come Tones Teatro Natura, è un grande valore aggiunto per poter sviluppare la propria vocazione a sperimentare allestimenti video immersivi unici e di grande spettacolarità.

Gianluca De Alberti, Head of Sales Video Projector di Epson Italia, afferma: “Epson è da sempre attiva in progetti di sostenibilità ambientale ed alto valore culturale dove la tecnologia di proiezione è elemento essenziale per dare forma ai contenuti d’arte ed oggi è felice di supportare il festival con i propri videoproiettori, soluzioni capaci di riprodurre diverse modalità espressive offrendo alle persone nuove esperienze visive”.

In questo spazio dedicato alla ricerca artistica, all’innovazione e a momenti condivisi di conoscenza ed esperienza, il videoproiettore EB-L25000U si è rivelato la soluzione perfetta non solo per la qualità delle immagini e per i colori nitidi e brillanti, ma anche per l’affidabilità e la facilità di installazione, con la possibilità di proiettare immagini da qualsiasi angolazione e su qualsiasi superficie. L’unità ottica sigillata e la ruota al fosforo in materiale inorganico inoltre assicurano il massimo della affidabilità (ben 20.000 ore di funzionamento, senza necessità di eseguire interventi di manutenzione), un aspetto importante per questi eventi.

“Per questo progetto – conclude Gianluca De Albertiabbiamo scelto EB-L25000U anche per la sua elevata luminosità, fondamentale per questo tipo di spettacoli con importanti distanze dalle superfici di visualizzazione che si presentano grandi e irregolari. Ancora una volta ha permesso proiezioni ad alto valore aggiunto”.

Info: Epson

Vai alla barra degli strumenti