Videoconferenza Tandberg per la PA

La crisi che rallenta gli investimenti delle aziende private sta investendo con minor intensità il settore della pubblica amministrazione italiana, che procede nel cammino di innovazione tecnologica intrapreso da alcuni anni. Anche nella telepresenza e nella videocomunicazione il fenomeno è evidente: TANDBERG, azienda leader nel settore, ha registrato nel corso del primo trimestre del 2009 un sensibile aumento della domanda da parte di diversi soggetti, nazionali e locali, della pubblica amministrazione.


“E’ ormai evidente che il messaggio è stato recepito: la comunicazione video è un ottimo strumento per ridurre i costi e aumentare la produttività”, dichiara Michele Dalmazzoni, Country Manager di TANDBERG Italia. “E per il settore pubblico ciò è importante quanto per quello privato, se non di più, perché la produttività e l’efficienza economica dei suoi apparati hanno conseguenze dirette sulla qualità dei servizi ai cittadini”.

Tutto il settore pubblico è interessato ai vantaggi economici, produttivi e ambientali offerti dalla comunicazione video, dai grandi enti statali alle realtà locali. In particolare, fra le istituzioni, sono avvertiti soprattutto i benefici che i moderni sistemi di comunicazione apportano in termini di riduzione dei costi e aumento dell’efficienza organizzativa, mentre le aziende pubbliche che erogano servizi per imprese e cittadini sono più sensibili alla possibilità di incrementare l’offerta, sposando la filosofia del fare di più con meno.

Fra i diversi soggetti pubblici, sono le regioni a spiccare per l’adozione di soluzioni di videoconferenza: la vastità dei territori, la molteplicità di competenze e i numerosi enti che fanno capo alle regioni rendono infatti prezioso uno strumento, come la videocomunicazione, che permette di prendere decisioni importanti in modo veloce ed efficace, anche fra soggetti distanti fra loro e appartenenti a diverse realtà.

Info: www.tandberg.com