Integrazione tra luce ed architettura per la Torre Manacar con iGuzzini

In questo interessante case study viene illustrato come l’ultima opera dell’architetto Teodoro González de León, la Torre Manacar di Città del Messico, sia stata illuminata a regola d’arte dalle soluzioni illuminotecniche di iGuzzini.

Per cominciare, qualche dettaglio tecnico: la torre Manacar è un grattacielo di 30 piani e 145 metri di altezza che svetta nel tessuto urbano di Città del Messico ed è situato nell’area meridionale della capitale, all’incrocio fra Avenida de Los Insurgentes e il Circuito Interior, l’anello più interno dell’autostrada.

L’edificio, concepito con una doppia destinazione commerciale e residenziale, si sviluppa su una superficie complessiva di 180.000 mq e, come detto prima, è l’ultima opera dell’architetto Teodoro González de León, allievo di Le Corbusier, che nel corso della sua carriera ha sempre manifestato una grande sensibilità al tema dell’integrazione tra luce ed architettura.

Per la sua particolare conformazione geometrica, la torre risultava già molto evidente nella luce naturale del giorno, pertanto il progetto illuminotecnico, messo a punto dallo studio artec3 fondato da Maurici Ginés, si è posto l’obiettivo di conservarne la visibilità e mantenerne la corretta integrazione nel contesto urbano esistente, anche durante le ore notturne.

Attraverso un uso sapiente della luce artificiale, data dagli apparecchi iGuzzini, l’architetto e il lighting designer hanno scelto di non isolare l’edificio durante la notte – escludendo quindi l’uso di luce colorata che ne avrebbe eccessivamente accentuato la monumentalità e l’iconicità – e puntare invece sul dialogo con l’ambiente circostante. Per far sì che fosse la luce a disegnare la torre, si è optato per un’illuminazione dinamica delle facciate adatta a favorire un effetto di continuo mutamento. Guidati da un desiderio di perfetta integrazione degli apparecchi luminosi nell’architettura, la scelta di González de León e di artec3 è ricaduta su Trick, soluzione di iGuzzini già sperimentata dallo studio di lighting design e caratterizzata da minima invasività e design moderno.

Per quanto riguarda invece gli ambienti interni, l’intervento illuminotecnico ha interessato i quattro piani occupati dal centro commerciale che, inaugurato nel 2017, offre oltre 70 negozi e numerosi punti di ristoro. Per valorizzare questi spazi, artec3 Studio ha dato vita a degli effetti luminosi dinamici che, in corrispondenza dei due ingressi principali, richiamano i movimenti di un velo d’acqua che scorre.

Lo scenografico effetto di luce radente è stato ottenuto grazie all’impiego di speciali apparecchi Linealuce, nei quali ogni singolo LED è controllato autonomamente con sistema DMX.

Per gli spazi comuni dello shopping center, il lighting designer ha invece optato per Laser Blade, il primo incasso lineare LED con emissione luminosa circolare, che è stato inserito nei soffitti in legno e in cartongesso con un risultato finale di totale integrazione e minimo impatto visivo.

DETTAGLI DI PROGETTO:

  • Anno: 2020
  • Cliente: Banca Mifel
  • Progetto Architettonico: Teodoro González de León
  • Progetto illuminotecnico: artec3 Studio
  • Progettazione strutturale: Arup
  • Foto: ASA 100 – Santiago Arau

Info: iGuzzini

Vai alla barra degli strumenti