Smart Building Levante Parte 2. Le novità e le tendenze

Riprendiamo il racconto dell’esperienza di Smart Building Levante, lo strumento commerciale e di informazione B2B che ha saputo offrire ai professionisti del Mezzogiorno d’Italia un vasto panorama delle tecnologie e dei servizi necessari per lo sviluppo dell’edilizia 4.0 attraverso l’innovazione dell’impiantistica elettronica, elettrica e termoidraulica.

All’interno della fiera di Bari, Smart Building Levante ha trattato le tematiche legate a connettività, per sfruttare al meglio le potenzialità della rete per azionare dispositivi IoT e impianti di distribuzione dei segnali innovativi; Home and building automation, con varie soluzioni che incidono positivamente sui costi di gestione e le funzionalità dell’edificio; Sicurezza con proposte che riguardano la videosorveglianza, controlli accessi, sistemi di allarme e antintrusione e sistemi di controllo da remoto; Efficientamento energetico, dove erano presenti tecnologie che avvicinano sempre più gli edifici all’obiettivo “emissioni zero”; Termoidraulica con prodotti che rappresentano la “nuova termoidraulica” con comfort a costi sempre meno ingenti.

Non è mancato inoltre uno spazio dedicato alle Startup dove varie aziende hanno potuto incrementare la propria visibilità proponendo alcune interessanti innovazioni in un contesto commerciale di carattere B2B.

Prima di raccontarvi alcune delle novità in termini di prodotti presenti in fiera, come spesso accade è necessario partire da alcune considerazioni ed alcuni numeri forniti da NetConsulting cube per Anitec-Assinform. e dall’Osservatorio Internet of Things.

Nel 2017 il volume di fatturato per quanto riguarda il settore Home and Building automation è stato di 68,7 miliardi di euro, +2,3% rispetto al 2016. Le previsioni di crescita sono del 2,3% nel 2018, del 2,8% nel 2019 e del 3,1% nel 2020. Tutti i settori, tranne la PA, hanno fatto registrare un incremento della domanda digitale nel 2017, con un  tasso medio annuo di crescita della domanda business dal 2017 al 2020 del 4,3%. Nel 2017 il mercato Industria 4.0 ha sfiorato i 2,2 miliardi di euro. Ultima informazione importante riguarda L’IoT, con un valore pari a 3,7 miliardi di euro (+32% rispetto al 2016).

Come vi accennavamo nell’articolo precedente, Smart Building Levante sta dando particolare attenzione ai professionisti della filiera dell’edificio intelligente (installatori elettrici, elettronici e termoidraulici, system integrator, ingegneri, energy manager, progettisti, costruttori edili e personale della PA), con un’opera di sensibilizzazione verso le tematiche relative a connettività, home and building automation e l’integrazione di sistemi, sicurezza, progettazione BIM ed efficienza energetica. Il risultato è stato uno spazio espositivo di circa 5000 mq dove erano presenti 80 brand con 5.112 ingressi totali durante i due giorni di fiera e 494 operatori di vari settori che hanno partecipato ai convegni e workshop. Una risposta ben al di sopra delle aspettative che si può tranquillamente tradurre in una precisa voglia di innovazione e sviluppo anche da parte del mezzogiorno.

Tra le aziende espositrici erano presenti molti player di rilevanza internazionale come Delta Electronics, che ha presentato il proprio modo di gestire l’efficientamento energetico con un corretto utilizzo delle risorse attraverso il Building Energy Management System. Grazie alla sua presenza capillare in tutto il mondo con circa 9000 ingegneri e un’alta percentuale di investimenti nel settore ricerca e sviluppo, l’azienda è diventata un vero e proprio pioniere nel settore della Green Building, con una serie di interventi di successo eseguiti utilizzando i propri prodotti su protocolli di comunicazione aperti e varie azioni di consulenza energetica che hanno portato ad un risparmio calcolato di oltre 24 miliardi di Kwh dal 2010 al 2017.

Adeo Group ha realizzato un vero e proprio salotto dedicato al concetto di “OneRoom Solution”, unità di misura che parte dalla stanza più accogliente e in genere vissuta della famiglia, fino ad estendersi in tutta la casa e a tutte le sue applicazioni: domotica, sicurezza, comfort, streaming audio e video, network domestico.

Dahua era presente a Bari con alcune soluzioni smart che introducono il concetto di intelligenza artificiale. Un esempio è il tele-controllore basato sull’utilizzo di droni industriali utilizzati sia per la sicurezza dei cittadini, sia per servizi utili come il controllo della distribuzione delle acque e dell’energia elettrica sul territorio e altro ancora.

Con la stessa filosofia di applicazione dell’AI, Dahua ha sviluppato un particolare sistema di gestione tornelli e porte dotato di controllo accessi con riconoscimento facciale oltre ai sistemi di gestione dei parcheggi con lettura targhe, face recognition, e people counting tramite l’impiego di telecamere termiche.

NextTec ha introdotto a Bari il sistema telegestibile Superlink, con vettore di comunicazione basato su IP, 8 ingressi furto espandibili fino a 120, 8 di supervisione, 5 uscite di segnalazione espandibili a 75 e liberamente programmabili. Si tratta di un sistema implementabile in diverse soluzioni in base alle proprie esigenze. L’azienda mette infatti a disposizione varie periferiche come tastiere LCD, Touch Screen dedicati, lettori RFID, radiocomandi, moduli GSM/GPRS, rivelatori radio e a contatto magnetico e altro ancora.

Sempre in tema di sicurezza CAME ha presentato un sistema con la centrale di controllo wireless radio programmabile PXC99W, dotata di 99 ingressi radio e 6 ingressi filo con tastiera, display, inseritore chiave transponder e sirena per interni previsti a bordo. L’unità presenta anche 4 uscite programmabili, può gestire fino ad 8 aree ed è dotato di modulo PSTN incorporato. Presente anche un sistema di sintesi vocale integrata per la gestione locale e remota del sistema. PXC99W è collegabile su rete LAN tramite apposita interfaccia ed è programmabile da tastiera o da PC.

Ekinex era presente con la propria gamma di comandi a pulsante della serie FF e i relativi accessori in grado di offrire la possibilità di realizzare numerose varianti che permettono di soddisfare le più diverse esigenze. Dal design elegante nelle versioni con e senza cornice, in soli 12.5 mm di profondità i dispositivi offrono fino a 4 canali con possibilità di programmare fino a 8 funzioni indipendenti, 4 LED per ogni canale liberamente programmabili, sensori integrati di temperatura e luminosità, funzione termostato ambiente, collegamento a linea bus mediante morsetto KNX.

Di particolare interesse la telecamera Panomera proposta da Dallmeier, che con il motto “meno telecamere e più sicurezza” ha sviluppato un sistema di sensori multifocali per la videosorveglianza onnicomprensiva di aree estese. Con Panomera è possibile coprire ampiezze enormi con frame rate in tempo reale fino a 30 fps. Il notevole vantaggio dato dalla copertura elevata è di sicuro un risparmio in termini di numero di telecamere e di costi per le infrastrutture.

Eurotek in partnership con UNV propone una serie di soluzioni smart come le serie di telecamera Prime e Pro con un range di modelli che va dai 2 agli 8 Megapixel nelle versioni bullet, eye e dome, e dotati di nuove tecnologie che introducono il concetto di intelligenza artificiale applicato al riconoscimento facciale. Tra le novità anche l’introduzione nei propri sistemi di processi di acquisizione sugli NVR semplificati e gestione con software semplice e user friendly con possibilità di gestire white list e black list in tutte le funzioni di allarmi e permessi a vari livelli.

Info: Smart Building Levante

Vai alla barra degli strumenti