Sistema guidePORT di Sennheiser per visite guidate

Si chiama “guidePORT” ed è la soluzione di Sennheiser che Exhibo propone nelle installazioni fisse e dovunque sia necessaria la presenza di racconti audio automatici che variano a seconda della zona in cui ci si trova e che possono essere anche richiamati manualmente dal visitatore.
Evidentemente siamo in pieno tema “visita guidata” o “visita in libertà” ed è altrettanto evidente come il sistema guidePORT risulti indicato anche in applicazioni dove è necessaria la traduzione simultanea, magari multi-lingue.


Un sistema guidePORT è molto semplice da implementare e da utilizzare, infatti è composto da soli tre componenti:

– i ricevitori “personali”, compatti e nel numero utile affinché ogni visitatore ne “indossi” uno, con relativa cuffietta per l’ascolto individuale

– i trasmettitori portatili che le guide utilizzano per eventuali commenti,

– e i necessari “identifier” ossia i dispositivi elettronici che, grazie a discreti sensori di presenza, automaticamente mandano in play i contenuti audio pre-registrati su misura e relativi a ciascuna opera. Questo avviene proprio nel momento in cui il visitatore entra nel campo utile (se è prevista l’attivazione automatica).

Il sistema guidePORT, in base alle applicazioni richieste, è altresì completato dai trasmettitori esterni e dalle relative antenne, che servono per inviare i contenuti audio ai ricevitori dei visitatori dove l’audio deve essere sincronizzato con filmati video. In generale, possiamo affermare che le tipologie tipiche delle installazioni guidePORT sono di due tipi:

– ad attivazione automatica in base alle zone del percorso o nei paraggi delle varie opere o “set”,

– oppure con messaggi ad attivazione manuale in cui è l’utente che seleziona quale messaggio ascoltare.

Per dare un’idea concreta di queste due tipologie possibili di installazione e di utilizzo, esaminiamo in breve tre situazioni standard “a base di guidePORT” di Sennheiser, brillantemente risolte da Exhibo.

Oasi la Valle
L’installazione, in provincia di Perugia nel Comune di Magione, realizzata da Exhibo; si basa su 20 ricevitori e si snoda sulla passerella in legno che si spinge lungo il Lago Trasimeno. Qui i diversi punti di attivazione automatica dei messaggi raccontano aneddoti sulla flora e la fauna del luogo e vi aggiungono anche approfondimenti dedicati al tema incantevole delle quattro stagioni secondo le interpretazioni che il lago stesso propone. Il Product Manager di Exhibo, Andrea Gottardo, che ha progettato e realizzato le tre installazioni che menzioniamo, commenta: “Siamo di fronte ad un progetto semplice ma molto funzionale e che sfrutta parte delle grandi possibilità di questo sistema di Sennheiser. In questa oasi naturalistica il visitatore, sia esso occasionale o sia un visitatore “birdwatching”, attraversa il già suggestivo percorso “accompagnato” dai racconti del guidePORT, rimanendo letteralmente affascinato. Questa è sullo stile di un’altra recente installazione effettuata a Firenze.”

info: oasilavalle.provincia.perugia.it/

Giardino Bardini
Nel giardino Bardini a Firenze il sistema Sennheiser guidePORT si concentra su 16 punti di attivazione e si sviluppa anche in questo caso lungo un percorso di fruizione automatica la differenza tra questa installazione e la precedente è che nel caso dell’Oasi la Valle il percorso è “obbligato”, mentre qui a Firenze può essere definito “libero”, infatti il visitatore può scegliere in autonomia quale cammino di visita percorrere e i messaggi si innescano in automatico secondo gli “identifier” in cui ci si imbatte. I ricevitori utilizzati sono 50 e, anche in questa installazione, la botanica e le varie stagioni del giardino sono al centro della narrazione e contribuiscono a rendere unica l’esperienza per il visitatore.

info: www.bardinipeyron.it/ab/cont__2.phtml /

Pinacoteca Cassa Risparmio Tortona
Una terza installazione del sistema Sennheiser guidePORT è stata realizzata per la Pinacoteca della Cassa di Risparmio di Tortona. Se per il Giardino Bardini e l’Oasi La Valle le installazioni sono state effettuate in un percorso all’aperto, la Pinacoteca è evidentemente un luogo chiuso e sono i visitatori a richiamare in modo soggettivo i vari messaggi. Il meccanismo è semplice: ogni visitatore approssimandosi alle varie opere d’arte legge in corrispondenza delle stesse un numero che dovrà digitare sul ricevitore per poter fruire del messaggio correlato. Il sistema scelto in questo caso possiamo definirlo “ad attivazione manuale e non zonale”, basato su 20 ricevitori che riproducono cinquanta messaggi pre-registrati e che, come per le altre due installazioni, è concepito per potersi espandere in futuro secondo nuove esigenze, proprio come tutti i sistemi per visite guidate di Sennheiser e per rendere sempre diversa ed unica ogni visita in un luogo di natura, svago o arte.

info: www.fondazionecrtortona.it/skin/106/home05.htm /

info: www.exhibo.it