K-array al museo Lavazza di Torino con installazione firmata da Acuson

La Acuson di Torino è una realtà presente da più di quarant’anni nel mondo della tecnologia applicata e dell’integrazione dei sistemi audio/video e sono veramente poche le aziende di questo settore che possono vantare il raggiungimento di un traguardo di questo tipo.

Da una attività commerciale, iniziata importando prodotti tecnologici introvabili nel nostro Paese, Acuson si è evoluta divenendo un operatore di riferimento a tutto campo nel settore dell’intrattenimento, del corporate, del congressuale, del museale e in tutte le applicazioni dove le moderne tecnologie audio/video/luci devono convivere per creare il massimo coinvolgimento del pubblico e dei protagonisti.

La passione e la curiosità per tutto ciò che è innovazione tecnologica aveva già stimolato l’interesse di Acuson per i prodotti di K-array sin dalle prime apparizioni dei diffusori acustici realizzati dal costruttore toscano.

“Dopo alcune installazioni in sale riunioni e show room con i prodotti più piccoli come i Tornado KT20, ci fu la grande opportunità di fornire l’impianto di amplificazione per gli spettacoli all’aperto della stagione turistica della Venaria Reale”, ci racconta Gabriele Magagna titolare e fondatore di Acuson. “Questo impianto, tuttora in funzione durante la stagione turistica, venne realizzato utilizzando diverse Kobra montate tra le grondaie e le colonne poste sulla facciata del palazzo della Galleria Grande che si affaccia sul piazzale dove è collocata la fontana che crea giochi d’acqua che di sera vengono investiti da spettacolari fasci di luci colorate che creano una straordinaria coreografia.”

“Dopo anni di utilizzo dei prodotti K-array” continua Gabriele “ abbiamo accettato un’altra grande sfida: quella di allestire sia la nuova sede sia il museo di una azienda istituzionale per la nostra città: la Lavazza.”

Sia per la nuova sede (“La Nuvola” progettata dall’Architetto Cino Zucchi n.d.r.) sia per il museo, Acuson ha progettato ed installato tutte le tecnologie video e di controllo. Per la parte audio la vera e propria sfida era quella di collocare dei sistemi di diffusione del suono perfettamente efficaci nella struttura architettonica che non ammetteva “corpi estranei”.

A questo punto Gabriele Magagna ci sorride e ci fa capire che non può andare nei dettagli di questa prestigiosa installazione: “ per rispetto di quanto abbiamo realizzato in “casa” di nostri clienti e per un po’ di gelosia che accompagna sempre ognuno dei nostri lavori, preferiamo non entrare troppo nei particolari. Vi basti pensare che tra la Sede ed il Museo abbiamo utilizzato circa una trentina di KV52 Vyper, e più di 20 Kobra KK52, con i loro sub KU26 ed i rispettivi amplificatori KA24. Se ci sono delle immagini che lasciano intravvedere delle Vyper installate a fianco di grandi schermi, la maggior parte dei diffusori è nascosta nei pochi spazi lasciati a disposizione dalla architettura. L’effetto Home Cinema 7.1 prevede l’utilizzo delle Kobra KK52 abilmente nascoste in punti strategici dietro il grande schermo…..”

Non ce la sentiamo di insistere con Gabriele affinché ci riveli dettagli riservati sulle installazioni di Acuson e ci rimane però la curiosità ed il desiderio di visitare il museo di Lavazza che sarà una tappa obbligata del nostro prossimo viaggio a Torino!

Info: AcusonK-arrayExhibo (distributore)

Vai alla barra degli strumenti