Pannelli fonoassorbenti Isolmant per l’ex cinema Lux

Vi segnaliamo questo interessante case study in cui viene illustrata la recente installazione di pannelli fonoassorbenti isolspace style di Isolmant all’interno dell’ex cinema Lux di Scarnafigi (CN) per la ristrutturazione della sala principale, riconvertita in spazio polifunzionale per eventi e incontri culturali.

L’isolamento acustico e la correzione del riverbero di ambienti quali auditorium, teatri, cinema, sale polivalenti per eventi rappresentano un parametro indispensabile e prioritario nella progettazione di questi “luoghi dell’ascolto”, dove è necessario raggiungere standard acustici elevati per consentire una trasmissione e comprensione del parlato oltre che del suono nitida e chiara. Proprio per questo, la scelta di materiali e soluzioni per l’acustica deve essere orientata al raggiungimento di valori ottimali del tempo di riverberazione T60 e dell’indice STI (Speech Transmission Index) secondo quanto indicato nella norma UNI 11532, per consentire il corretto svolgimento delle attività previste.

Gli interventi di correzione del riverbero e di riduzione della riflessione delle onde sonore sulle superfici per questa tipologia di spazi devono essere eseguiti in modo specifico e professionale affidandosi a partner esperti e competenti come isolspace. Tra i prodotti top della gamma emerge isolspace style, pannello fonoassorbente disponibile nelle versioni Black&White, Original e Collection, che garantisce il raggiungimento di elevate performance di correzione acustica con un’applicazione semplice, veloce ed efficace. Un prodotto altamente tecnologico e dal design originale con un elevato tasso di personalizzazione che contribuisce a valorizzare lo spazio in cui i pannelli vengono inseriti.

Isolspace style di Isolmant è una soluzione che combina in un unico prodotto estetica e funzionalità, consentendo ampia libertà progettuale, per interventi customizzati per ogni tipo di esigenza come dimostra l’intervento all’ex cinema Lux di Scarnafigi, in provincia di Cuneo.

L’edificio, realizzato alla fine degli anni Cinquanta, è stato recentemente oggetto di un ampio intervento di consolidamento strutturale e adeguamento sismico, resosi necessario a causa dei danni provocati da un incendio che, alla fine del 2008, ne aveva compromesso in modo irreversibile la controsoffittatura e altre parti di finitura. Di proprietà parrocchiale, l’ex cinema, grazie alla ristrutturazione degli ambienti interni con recupero funzionale e riorganizzazione degli spazi, è stato riconvertito in sala polivalente e polifunzionale che può ospitare spettacoli teatrali, proiezioni cinematografiche, conferenze e incontri.

Il progetto, firmato dall’architetto Mario Brunetti, ha previsto la demolizione della controsoffittatura originaria in gesso che risultava ancorata al banchinaggio in travi di legno con fili di ferro per legature, ormai privo delle condizioni statiche di sicurezza, aggravate a seguito dello stress termico provocato dall’incendio. Sono seguite a queste il rinforzo e l’adeguamento sismico della struttura portante in calcestruzzo armato, la ridefinizione dei servizi igienici per il pubblico e per i soggetti e protagonisti degli eventi con allestimento di camerini e spazio di sottopalco adibito all’organizzazione e gestione del palco.

La scelta, operata grazie alla consulenza di Edilbosco, distributore di materiali edili di Sommariva del Bosco (CN), è ricaduta sulla gamma isolspace style: “Abbiamo consigliato i pannelli isolspace – sottolinea Mario Busso, titolare della rivendita – per le loro brillanti performance acustiche e per la loro facilità di posa che ne fanno un prodotto altamente competitivo sia dal punto di vista qualitativo sia dal punto di vista della semplicità di installazione.”

La posa dei pannelli è stata invece affidata all’impresa edile Monge Giuseppe di Saluzzo (CN) che ha ancorato le tesate in cavi d’acciaio poste tra le capriate agli ometti e alle catene attraverso fasciature metalliche e successivamente ha installato, in modo semplice e veloce, i pannelli isolspace regolandone la corretta piombatura.

Selezionati nella colorazione bianca, per integrarsi in modo armonico nell’architettura della sala, i pannelli hanno permesso di “raggiungere livelli eccellenti di correzione acustica ottenendo tempi di riverbero medi di 1,3 secondi contri gli oltre 4 secondi di riverbero inziale” come sottolineato dall’architetto Brunetti.

L’applicazione di isolspace style si è rivelata fondamentale anche per il rispetto della normativa antincendio, dal momento che i pannelli vantano una Euroclasse di reazione al fuoco B-s2, d0, grazie alla loro composizione con materia prima ignifuga, facilmente lavorabile, atossica, anallergica, ecologica e sostenibile, la speciale fibra ISOLFIBTEC, riciclabile al 100% e proveniente per oltre il 70%, da materiale di riciclo post consumo.

Info: Isolmant

Vai alla barra degli strumenti