Evolution, il nuovo pilota automatico di Raymarine

Raymarine Evolution - landscape

Raymarine, la società che ha inventato l’Autohelm, ha recentemente presentato Evolution, la più recente tecnologia di pilota automatico. Evolution combina la tecnologia avanzata di orientamento aerospaziale con esperienza pilota automatico marino di Raymarine per offrire un nuovo livello di accuratezza.

Progettato con l’obiettivo di fornire un pilota automatico dalle prestazioni superiori rispetto a qualsiasi cosa disponibile sul mercato, non richiede operazioni di settaggio o di calibrazione, e non ha bisogno di essere tarato per la barca sulla quale verrà installato. Questa svolta innovativa si avvale dei nuovi algoritmi di intelligenza artificiale che consentono ai piloti automatici Evolution di percepire il loro ambiente ed essere quindi in grado di calcolare autonomamente i comandi dello sterzo per massimizzare le prestazioni. Il risultato è preciso nel mantenimento della rotta sicura, indipendentemente dalla velocità dell’imbarcazione o dalle condizioni del mare.

Al cuore del sistema autopilota Evolution c’è il sensore EV ultra-compatto, un computer di rotta completo di sensore di direzione a 9 assi. Intorno alla stessa dimensione di un tipico sensore GPS marino, il nucleo sensore EV può essere installato sia su staffa che ad incasso orizzontale.

Il nucleo del sensore EV è disponibile in due versioni, EV-1 per i sistemi di azionamento Raymarine e EV-2 per i sistemi drive-by-wire. EV-1 utilizza cavi SeaTalk per una connessione di alimentazione e dati per una singola unità di controllo attuatore (ACU) che fornisce potenza e di segnale solo a un pilota automatico Raymarine sistema di azionamento idraulico o meccanico.

EV-2 utilizza semplicemente una connessione DeviceNet diretto a un terzo sistema drive-by-wire come Teleflex Optimus 360, Volvo Penta IPS o ZF Pod Drive. Il controllo autopilota avviene tramite testine di controllo p70 o p70R.

Info: www.raymarine.it

Leggi altre notizie con:
Vai alla barra degli strumenti