Document camera, LIM, proiettori e display interattivi: esempi e soluzioni

Questo articolo vuole citare alcuni esempi di tecnologie e soluzioni di document camera, LIM e display interattivi che ci sembrano particolarmente interessanti e degni di nota. E’ una scelta arbitraria e consapevolmente non enciclopedica. Qualche brand, inserzionista o no, potrà dire che non abbiamo citato il loro specifico prodotto; ma come Redazione abbiamo il diritto arbitrario di fare selezione e la consapevolezza di non poter citare tutti o di dimenticarci puntualmente di qualcuno.

Document Camera e Visual Presenter

La Document camera per la formazione Epson ELPDC21

Epson

Un’azienda leader per i visual presenter, o Document Camera, è Epson, che oggi offre soluzioni di altissima qualità a un eccellente rapporto qualità prezzo. Dalla versione più compatta e portatile, l’ELPDC07, un FullHD 1080p con zoom digitale 8x, alla versione superiore ELPDC13, ci troviamo di fronte a 2 document camera esemplari. La ELPDC13 è una Full HD 1080p 30fps su piano di acquisizione in formato A3, con zoom digitale 16x, fuoco automatico, illuminazione LED integrata e fermo immagine, e frequenza di aggiornamento dello schermo di 30 fotogrammi al secondo. Questo visual presenter permette di proiettare i suoi contenuti su più schermi, ad esempio un display per il relatore e il videoproiettore per la classe o ad esempio il sistema di lecture capture, e offre anche la funzione di Split Screen per dividere il contenuto visualizzato tra la document camera e ad esempio la presentazione o altri dati da mandare in proiezione. L’ammiraglia è la ELPDC21, una soluzione sempre molto compatta e leggera che in aggiunta al modello precedente integra caratteristiche utili come uno zoom ottico 12x che si aggiunge a quello digitale da 10x.

Approfondisci sul sito web Epson >

Newline

Tra le Document Camera più performanti e innovative possiamo citare le Trucam di Newline. Il modello più “piccolo”, la TC-10P, offre ad esempio uscite video HDMI, VGA e composito, mentre i modelli superiori, TC-20P e TC-51D, offrono anche la connettività USB fino ad arrivare alla doppia connessione HDMI per la visualizzazione doppia o per visualizzazione e registrazione. Anche le caratteristiche operative sono ricche e complete. Dallo zoom finoa 12x ottico, risoluzioni a 1080p60, adattatore per microscopi, integrazione con i display interattivi Newline e molto altro.

Approfondisci sul sito web Newline o Satnet (distr.)

Wolfvision

Un’altra azienda leader in questo settore è Wolfvision con i suoi Desktop Visualizers e con un bagaglio di oltre 40 anni nella produzione di sistemi di presentazione. Wolfvision allo stato attuale produce una gamma di 5 sistemi di document camera della serie VZ, compatti ed eleganti. Dal più compatto VZ-3neo all’ammiraglia VZ-P i sistemi Wolfivision offrono eccellenti performance di qualità video, controllo remoto, interfacce BYOD, storage interno, fino a sistemi con bracci motorizzati, immunità da ombre e riflessi, sistema microfonico integrato, trasmissione wireless e in streaming, e versioni  con telecamere da 1-CCD (VZ-P18) e 3-CCD (VZ-P38) per la massima qualità video e accuratezza dei colori.

Approfondisci sul sito web Wolfvision >

Altre soluzioni Document Camera e Visual Presenter

Tra gli altri brand che producono Document Camera possiamo citare ELMO (da non confondersi con EL.MO. spa che si occupa di sistemi security) che offre un’ampia gamma di visual presenter di ottima fattura e performance con modelli FullHD, 128x di zoom complessivo di cui 16x ottico, penna interattiva per annotare sulle immagini senza la necessità di computer. Un altro marchio è AVerVision che offre soluzioni piuttosto smart e con funzioni peculiari come la possibilità di registrare e fare streaming e condividere direttamente con tablet e computer via Wi-Fi, e con performance davvero degne di nota come zoom 240x (16x ottico) e sensore da 5MP. Anche Lumens, distribuito in italia da Ligra, offre soluzioni con caratteristiche interessanti come document camera con antiriflesso, regolazione automatica di nitidezza/luminosità/colore, retroilluminazione LED per negativi, Raggi-X, diapositive, eccetera, ma anche document camera da soffitto con zoom ottico 25x. Anche SMART Technologies ha un modello che si collega via Wi-Fi per operare sulla document camera da remoto

LIM

Newline

Non essendo propriamente il nostro settore non ci soffermeremo molto sulle LIM “tradizionali. Sicuramente un marchio da citare è di nuovo Newline, molto attivo nel settore education che, oltre alle document camera e ai display interattivi di cui parleremo più avanti, produce anche lavagne interattive della serie Truboard, ideali per qualsiasi tipo di proiettore, con superfici a bassa riflessione luminosa, tasti funzione ai bordi del pannello, interfaccia multitocco a 10 punti IR in formati da 82″ in 4:3 e 92″ in 16:9.

Approfondisci sul sito web Newline o Satnet (distr.)

I diversi tagli della serie TE-SN di Starboard

Altra azienda rinomata per le LIM è Starboard con pannelli di grandi dimensioni che vanno dai 65″ fino al 98″ interattivi e Filp Chart interattiva, in portrait, con funzionalità di collaborazione e condivisione BYOD. Anche l’italianissima LUXI produce LIM, oltre agli schermi e accessori per la videoproiezione. LUXI offre soluzioni LIM IR DA 78″ A 88″ fino a cinque tocchi e LIM elettromeccaniche fino a 89″ con 2 penne interattive.

Mimio di Boxlight ha un’ampia gamma di LIM tradizionali ma propone anche una soluzione alternativa piuttosto interessante: MimioTeach. MimioTeach è un sensore portatile che può trasformare qualsiasi superficie bianca fino a 200″ in una vera e propria LIM, con una risposta all’interattività eccezionale, e che consente di poter dotare più aule di una LIM semplicemente spostando il MimioTeach nell’aula che ha necessità di fare un’attività interattiva.

Proiettori

Il ventaglio di soluzioni di videoproiezione non interattiva, a lampada o laser, presenti sul mercato è enorme e ampiamente di dominio dei professionisti dell’installazione e dell’integrazione. Tradizionalmente IntegrationMag ha nei videoproiettori un grande bagaglio di letteratura, contenuti e articoli di ogni tipo, marchio, applicazione e tecnologia. Portare qui a sintesi questo segmento, pur restringendolo al mondo education, è un compito davvero arduo.

Epson

Epson è un’altra azienda leader nel settore education con un’ampia gamma di soluzioni per la videoproiezione interattiva con ottiche ultra corte o con ottiche standard. Luminosità elevata insieme alle ottiche ultra short throw e a software espressamente dedicati e progettati per queste applicazioni permettono proiezioni in FullHD con superfici di proiezione enormi fino a 100″ anche in ambienti illuminati. I sistemi di videoproiezione interattiva di Epson consentono modalità di interazione e annotazione anche senza l’uso di computer. L’interazione è assicurata dal tocco con penne interattive o con la pressione diretta del dito.

Molti dei proiettori per la formazione di Epson consentono anche di controllare le document camera Epson direttamente dall’interfaccia proiettata sullo schermo. I proiettori possono anche aggregare e gestire sorgenti differenti, dai computer, lettori Blu Ray o DVD, document camera, attraverso gli input HDMI fisici, ma possono anche prelevare i segnali in wireless attraverso la connettività Wi-Fi permettendo connessioni multiple da 50 postazioni computer diverse dalle quali l’insegnante, attraverso la funzione “moderatore”, può selezionare fino a 4 sorgenti da inviare in proiezione anche contemporaneamente.

L’Epson EB-710UI

Un altro elemento interessante per la versatilità e per gli evidenti vantaggi, è la possibilità di gestire due sorggenti diverse e visualizzarle contemporaneamente in modalità Split Screen, dando la possibilità ad esempio di affiancare la presentazione a documenti, video e riprese o le immagini provenienti dalla document camera. Se 100″ di proiezione potrebbero non bastare è possibile invece affiancare due proiettori per formare una superficie proiettata enorme e capace di un’interattività ancora maggiore su entrambi gli schermi proiettati, con un perfetto edge blending per l’accavallamento delle due immagini.

Un modello esemplare di Epson è l’EB-710UI, un 3LCD da 4.000lm dotato di sorgente laser per ridurre al minimo la manutenzione, gli effetti di deterioramento della lampada e un’accensione immediata del proiettore senza dover aspettare il riscaldamento delle lampade, funzioni di Split Screen, due penne interattive e a dito, funzionalità multischermo, annotazione senza PC, e una considerevole dotazione di software, come l’app Epson iProjection, per massimizzare l’esperienza interattiva in aula.

Approfondisci sul sito web Epson >

BenQ 

BenQ è un altro grande brand che si distingue per l’ampio range di soluzioni dedicate, con ottiche ultra corte, corte e tradizionali, con sorgenti luminose tradizionali o laser e risoluzioni fino al 4K UHD.

Dotati della tecnologia DLP i videoproiettori interattivi a ottica ultracorta BenQ coniugano un’elevata potenza luminosa e risoluzioni altissime, ideali per qualsiasi contesto e condizione di luminosità ambientale e che garantiscono un’esperienza e qualità visiva e una leggibilità perfette.

Anche con BenQ i software rappresentano uno strumento complementare perfetto per gli usi nelle classi. Software come PointWrite e QWrite permettono di utilizzare due videoproiettori per raddoppiare la superficie di proiezione e interazione e di trasformare qualunque superficie in una lavagna interattiva, per annotare, collaborare e apprendere con immediatezza e facilità. Il sistema di interazione supporta anche le gesture tipiche di sistemi Windows, permettendo di spostare, ingrandire, ruotare, fare multi-selezioni, ecc.. E’ anche possibile collegare il computer al proiettore sia in wireless, attraverso il dongle QCast e la app QPresenter per condividere in BYOD qualsiasi tipo di contenuto multimediale. Un’altra funzionalità molto utile è quella di collegare il computer al proiettore sia con il cavo video che con un cavo USB per trasformare a tutti gli effetti il sistema in una lavagna interattiva.

Approfondisci sul sito web BenQ >

NEC

Proiettore NEC UM351Wi multitouch e interattivo

Anche NEC ha a catalogo un’enorme gamma di soluzioni ad ottica ultra corta con interattività multitocco e multipenna e con molte funzioni analoghe a quelle citate prima come la modalità split e multi-proiettore. Con risoluzioni che vanno dall’XGA, WXGA fino al WUXGA, luminosità fino a 11.000 lumen o fino a 3.600lm per i proiettori con ottiche ultra corte, modelli laser-fosforo, proiettori portatili e proiettori ad ottica corta e ultra corta, qualsiasi contesto formativo può trovare la propria soluzione ideale tra i proiettori NEC.

Anche i software dedicati NEC garantiscono un’esperienza di insegnamento e apprendimento, presentazione, collaborazione e annotazione eccezionali. In particolare il software DisplayNote NEC permette sessioni di collaborazione avanzata in cui relatore e allievi possono fruire di presentazioni, condividere e collaborare da qualsiasi dispositivo e sistema operativo.

Approfondisci sul sito web NEC >

Panasonic

Possiamo qui citare i videoproiettori per il settore education di Panasonic, in particolare quelli a ottica corta. I proiettori short-throw Panasonic sono concepiti per una proiezione su schermi a distanza ravvicinata in modo che il relatore possa rimanere di fronte allo schermo, senza oscurare con la propria ombra la proiezione. La gamma di proiettori short-throw Panasonic include prodotti leggeri e potenti, fino ai 3.800lm, dai consumi contenuti e controllabili da remoto.

Per grandi installazioni con molteplici proiettori installati, è possibile centralizzare il monitoraggio e gestione dei diversi proiettori da una singola postazione grazie al Multi Projector Monitoring and Control Software, che permette di verificare lo stato e le condizioni di ogni dispositivo senza doversi recare fisicamente nella sala dove è installato.

I modelli interattivi possono sfruttare i software LightPen3 e Whiteboard, con i quali è possibile scrivere appunti, sottolineare, controllare il computer con la penna o il puntatore interattivi, anche senza lavagne bianche interattive dedicate, così come salvare le sessioni e condividerle con altri.

Anche molti proiettori da installazione fissa Panasonic sono ingegnerizzati per la formazione.  Dotati di ottica DLP o LCD, offrono potenze luminose superiori, fino a 10.000lm, queste soluzioni sono idonee per aule magne e auditorium o là dove la proiezione richieda una luminosità elevata necessaria in ambienti illuminati o da mantenere illuminati.

Approfondisci sul sito web Panasonic i proiettori ad ottica corta o i proiettori da installazione fissa >

Altre soluzioni di proiezione

L’articolo può rivelarsi un compendio di prodotti che non sarà mai esaustivo, parlando di videoproiettori e di display, come fare qui di seguito. Per i videoproiettori vale la pena non dimenticarsi di brand importantissimi come HitachiCanon, Sony, Casio, Vivitek, Optomae chi più ne ha più ne installi.

Display interattivi

BenQ

BenQ è tra i marchi leader sul mercato per i propri display interattivi e lo fa puntando su molteplici fattori che rendono la scelta dei display BenQ piuttosto facile. Ad esempio la tecnologia Eye-Care, attenta alla salute degli occhi di insegnanti e alunni, pannelli ad altissima definizione 4K2K (3840×2160) per una visione perfetta anche da distanze molto ravvicinate.

Anche la dotazione software è un valore aggiunto agli hardware BenQ da tenere bene a mente: le funzionalità di collaborazione e annotazione, con il software EZWrite 3.0, sono ottimizzate da logiche e caratteristiche che permettono di rendere l’attività di insegnamento e apprendimento fluida, naturale e senza distrazioni.

Approfondisci sul sito web BenQ >

NEC

NEC è un’altra azienda protagonista in questo settore ed offre display interattivi di grande formato capaci di stimolare al massimo l’interazione e la collaborazione grazie a sistemi capaci di fino a 10 tocchi simultanei, scrittura naturale a schermo sia con penna interattiva che con dito, immagini ad altissima risoluzione per una visione perfetta anche per chi sta interagendo e toccando il pannello display. NEC offre anche soluzioni con vetri di protezione che consentono la massima leggibilità e immunità dai riflessi, da urti e dalle impronte digitali sullo schermo

In alcune serie, come gli InfinityBoard da 65″ e 84″, telecamere e diffusori integrati consentono sessioni di teleconferenze e teleinsegnamento perfettamente integrati in un unico hardware. Una gamma completa di supporti software permettono presentazioni, collaborazioni, annotazioni e attività di lavagna interattiva e videoconferenza offre anche al settore education – oltre ai contesti di meeting e videconferencing aziendali – soluzioni e strumenti straordinari.

In particolare il software DisplayNote NEC permette sessioni di collaborazione avanzata in cui relatore e allievi possono fruire di presentazioni, condividere e collaborare direttamente dai dispositivi BYOD con supporto multipiattaforma universale da Windows, Android, Apple, Linux e iOS, e da qualsiasi tipologia di dispositivo connesso, desktop, laptop, smartphone, tablet che sia.

Approfondisci sul sito web NEC >

Newline

Newline offre un’ampia gamma di display interattivi della serie Trutouch, dotati di controllo multitocco fino a 20 punti, a penna e dito, risoluzioni fino al 4K, fino a 2 telecamere 1080p integrate, microfono ambientale con echo cancellation e riduzione rumore, in tagli che vanno dai 55″ fino agli 86″. Alcuno modelli, come ad esempio la versione X9 da 86″ e la versione X6 da 65″ sono dotati di due telecamere grandangolari a 1080p che consentono una visuale perfetta dell’aula, mentre un array di microfoni a 4 elementi con cancellazione dell’eco integrata e riduzione del rumore fornisce un suono sempre solido e chiaro. Anche l’interattività è stata particolarmente curata per un’esperienza di tocco e controllo considerevole, che consente di annotare, controllare, cancellare sia con le dita che con le penne. La serie TruTouch VN è dotata di tecnologia IRtouch più reattiva e di risoluzione 4K Ultra-High e 20 punti di tocco interattivo.

Approfondisci sul sito web Newline >

Panasonic

Panasonic, primeggia tra i leader in questo segmento di mercato, produce display a LED interattivi multi-touch progettati per uso intuitivo, una maggiore interattività e un’ampia gamma di funzionalità innovative ottimizzando collaborazione, efficienza e produttività in ogni operazione. In particolare la serie BF1 combinano la tecnologia touchscreen multitocco, funzionalità interattive da lavagna bianca e connettività wireless all’avanguardia. Questi display introducono i temi e metodi di creatività, presentazione, condivisione, flessibilità e connettività più innovativi e futuribili in schermi in grado di esprimere il meglio dell’attività formativa. Qualsiasi attività di presentazione e di formazione è realizzabile. Fare presentazioni immediate, intuitive, interattive e coinvolgenti, aggregare e gestire contenuti esterni in wireless, condividere contenuti in locale o anche in remoto, gestire tutto il sistema dal pannello touch del display sono solo alcune delle features di questa serie di schermi interattivi. Sui display BF1 e altre soluzioni perfette per il settore education potete leggere l’articolo “Il salto evolutivo dell’education con i display interattivi Panasonic, ma non solo”.

Approfondisci sul sito web Panasonic) >

Anche in questo caso dobbiamo fare ammenda per non potere citare tutti i marchi – come Sony, Philips, l’italiana Helgi, Vivitek, Hitachi,e molti altri – che hanno soluzioni certamente valide e al pari di quelle citate e che comunque potete trovare in tantissime altre pagine, news e articoli di IntegrationMag.

Leggi gli altri articoli dello Speciale Education & Lecture Capture

La galassia di tecnologie AV e di opportunità che gira attorno alla formazione


Sistemi di visualizzazione: document camera, LIM, proiettori e display interattivi


Il salto evolutivo dell’education con i display interattivi Panasonic, ma non solo


Lecture Capture, vantaggi e opportunità di integrazione e innovazione per l’apprendimento


Lecture Capture: hardware-based o software-based?


Lecture Capture: esempi e soluzioni

 

Vai alla barra degli strumenti