Dieci anni d’esperienza led per Simes

Dalla fine del 1999 infatti iniziò a manifestare interesse per queste sorgenti, concepite inizialmente soltanto come SOFT LED da segnalazione – piccole sorgenti puntiformi, funzionanti a bassissima tensione, con potenze dell’ordine di 0,5-2W.Un mercato così inesplorato permise di intraprendere, in stretta collaborazione con OSRAM, un percorso di ricerca per produrre nuovi apparecchi in funzione delle caratteristiche dei LED.Lo sviluppo di un prodotto ingegnerizzato ad hoc per le sorgenti LED culminò con la nascita di MICROLED, una piccola luce da segnalazione funzionante in bassa tensione a 24V.


All’inizio di questo decennio, la buona risposta del mercato che richiedeva prodotti sempre più piccoli, vide la nascita di MICROZIP, un apparecchio studiato specificamente intorno alle sorgenti LED, funzionante a 230V, grazie alle efficienze più elevate rese possibili dalla tecnologia chip-on-board. Una volta stabilizzata la ricerca – che si trovava a fronteggiare i primi problemi legati alle temperature di funzionamento di LED sempre più performanti – e consolidata la risposta del mercato, Simes iniziò a sfruttare la maggiore affidabilità e la migliore efficienza luminosa dei LED, impiegandoli ora anche come luci d’accento, per apparecchi interrati di dimensioni sempre più ridotte.

Nella storia più recente, la nascita dei LED ad alta efficienza consolida definitivamente queste sorgenti, il cui sviluppo tecnologico deve i suoi progressi anche alle costanti ricerche sulle lenti e sui riflettori e sui driver. Le caratteristiche di tali componenti infatti hanno contribuito ad incrementare le performance delle sorgenti, grazie alla sinergia fra aziende produttrici di LED – come i LUXEON K2 di PHILIPS LUMILEDS, come gli OSTAR e i DRAGON di OSRAM, o come gli XR-E di CREE – e produttori di illuminazione come Simes che, condividendo la propria esperienza, hanno concorso notevolmente all’evoluzione di apparecchi e di sorgenti sempre più performanti.Parallelamente alle evoluzioni dei LED, si sviluppano anche i relativi sistemi di controllo RGB e AWB, con tecnologie sempre più avanzate che permettono di dimmerare, miscelare i colori e regolare il punto di bianco.

In tutto questo percorso di ricerca è importante considerare che le aziende produttrici di LED intrapresero un’ardita sperimentazione, essendo i diodi storicamente componenti elettronici e non vere e proprie sorgenti luminose: Simes, in collaborazione con tali aziende, ha pionieristicamente creduto in queste sorgenti alternative, contribuendo – grazie alla sua volontà, alle ricerche, ai successi ed agli insuccessi – allo sviluppo delle odierne sorgenti, sempre più performanti, con migliori temperature di colore, migliori indici di resa cromatica, un binning più accurato ed efficienze fino a 100 lm/W – un risultato fino a qualche anno fa inimmaginabile.

Oggi, a distanza di 10 anni, gli sforzi e le ricerche dei costruttori sono convogliati in un nuovo punto di partenza, la definitiva attestazione delle sorgenti LED: l’introduzione sul mercato del primo LED che si sostituisce ad una sorgente tradizionale con il semplice gesto di cambiare la lampadina. Al termine di questo percorso, Simes è orgogliosa di celebrare il suo decimo anniversario di esperienza e di ricerca, fregiandosi del logo “10 years LED expertise”: una garanzia per quanti vedono in queste piccole sorgenti il futuro dell’illuminazione.

Info: www.simes.it