RCF a ISE con diverse novità per i sistemi DXT

Tra le novità presentate da RCF a ISE 2016 si segnalano i frutti dell’evoluzione dei sistemi di evacuazione DXT, i quali hanno già trovato spazio in installazioni di rilievo come il Museo della Cattedrale di Firenze, alcuni padiglioni di Expo 2015 e le stazioni della funivia SkyWay del Monte Bianco. Alla manifestazione di Amsterdam sono presenti i sistemi DXT 3000, DXT 7000 e DXT 9000.

Il top di gamma DXT 9000, in particolare, è stato aggiornato con diversi componenti tra cui la Master Unit MU 9186R con router integrato e il Data Repeater RP 9600. La MU 9186R può essere collegata a un massimo di otto sistemi e in questo modo si possono creare reti sino a 256 unità. Ha una doppia porta LAN per l’audio digitale che permette di ricevere un canale in ingresso e distribuirlo in varie configurazioni: due canali sino a 4 sottosistemi o un canale da 5 a 8 sottosistemi. Queste caratteristiche permettono configurazioni flessibili e distribuite, in cui più unità MU 9186R e diversi amplificatori sono collegati via RCF-Flexicomm per servire centinaia o anche migliaia di zone. Quando i collegamenti sono più lunghi di 180 metri o la configurazione prevede più di 15 amplificatori UP 950x è il momento di mettere in campo il Data Repeater RP 9600, che va inserito fra la Master Unit e gli amplificatori.

mu9186RA completamento della gamma di nuovi componenti per i sistemi DXT 9000 c’è la IN 9000 Integrity Network Emergency Console, progettata per offrire un’interfaccia di comando analogica nel caso in cui il bus RCF-Flexicomm venga per qualche motivo interrotto. La console dispone di un microfono con pulsante PTT e può essere alimentata da un qualsiasi alimentatore esterno a 24 o 48 Volt che fornisca una potenza di almeno 20 Watt. Come imposto dallo standard EN54-16, il canale audio e di comando è monitorato ed eventuali guasti sono indicati nel pannello frontale da un LED apposito. Il segnale in uscita può essere distribuito a 64 unità DXT 9000 e su quattro linee indipendenti, selezionabili.

rcf-expo

Una installazione RCF a Expo 2015

Novità anche per i sistemi DXT 3000. La nuova MG 3006 Monitored GPI Board è un accessorio che controlla il sistema di emergenza GPI per rilevare e segnalare qualsiasi interruzione di linea o cortocircuito nel percorso dei segnali tra DXT 3000 e altri dispositivi d’allarme. In questo modo può attivare l’evacuazione di una o più zone e funzionare quindi come un sistema d’allarme antincendio. Non richiede un alimentatore esterno perché riceve alimentazione direttamente dalla mainboard dell’unità centrale MX 3250.

L’IE 3008 Interlink Board, infine, permette il collegamento di un massimo di otto unità MX 3250 in configurazione master/slave. La prima unità fa da master e le altre da slave. All’unità master si possono collegare sino a quattro basi microfoniche BM 3804, la prima delle quali è alimentata dalla MX 3250. A ogni BM 3804 si possono collegare sino a otto tastiere addizionali BE 3806, ogni estensione può selezionare e gestire una zona di una specifica unità MX 3250. La musica di sottofondo opera a livello sia di sistema sia locale. A livello generale entra nel sistema attraverso l’input dedicato IE 3008 dell’unità MX 3250 master, a livello locale può essere abilitata con una impostazione hardware della mainboard di ciascuna unità.

Info: RCF

Rimani aggiornato con le ultime news su tecnologie e prodotti dedicati all'integrazione dei sistemi!

Rimani aggiornato con le ultime news su tecnologie e prodotti dedicati all'integrazione dei sistemi!

CLICCA QUI PER ISCRIVERTI!

You have Successfully Subscribed!

Vai alla barra degli strumenti