Parliamo di proiettori con Stefano Tura

proiettori panasonic - landscape

In uno degli ultimi redazionali ci siamo occupati di fare il punto sulla situazione su quali fossero le novità nel mercato dei proiettori destinati alle installazioni, concentrandoci soprattutto nella fascia entry-level, quella che negli ultimi tempi ci è sembrata più “frizzante”. Pochi giorni fa abbiamo incontrato Stefano Tura, Senior Product Manager di Panasonic VSS, ed abbiamo avuto occasione di scambiare due parole e fargli qualche domanda.

IntegrationMag.it: Dall’inizio del 2013 abbiamo notato grande fermento nell’ambito dei proiettori: molti nuovi prodotti e grande competizione tra i principali produttori. Non ti nascondo che siamo stati particolarmente colpiti dalla serie Solid Shine di Panasonic. Posso chiederti se ci sono novità in arrivo a breve da Panasonic?
Stefano Tura: La famiglia Solid Shine Panasonic in questo momento si compone di quattro modelli molto simili in termini di caratteristiche, sopratutto con la medesima luminosità di 3.500 ANSI lumen. Il prodotto di punta è inevitabilmente il PT-RZ470, il più completo dei quattro, dotato di risoluzione Full HD, funzionalità di Edge Blending e possibilità di installazione in modalità Portrait. Questi nuovi modelli danno una chiara indicazione della direzione intrapresa da Panasonic, come testimonia anche il recente “concept” presentato in occasione di ISE 2013, il videoproiettore Solid Shine del futuro, che sarà dotato di una luminosità nell’ordine dei 5.000/6.000 ANSI lumen. Tuttavia, sarà necessario aspettare ancora qualche tempo perché arrivino sul mercato prodotti di fascia più alta, con luminosità superiore ai 3.500.

IntegrationMag.it: Confrontandoci quotidianamente con gli addetti ai lavori abbiamo avuto la percezione che fino a pochi mesi fa ci fosse una sorta stagnazione dell’interesse nei confronti dei proiettori ma che recentemente la situazione sia ripartita alla grande, anche grazie al grande numero di nuovi prodotti innovativi che sono stati introdotti negli ultimi mesi.
Stefano Tura: Sinceramente nel settore in cui siamo maggiormente attivi – ossia quello dei proiettori di fascia alta, sopra i 5.000 ANSI lumen – non abbiamo avuto questa percezione. O meglio, c’è stata per qualche mese durante l’anno passato, ma dopo che avevamo comunque chiuso importanti progetti. Diciamo che il segnale positivo per questo 2013 è che in effetti il mercato sembra essere più attivo e dinamico e stiamo riscontrando l’aprirsi di diverse opportunità di business pur nella consapevolezza che a fare la differenza sono i progetti importanti, non le vendite spot di singoli pezzi.

IntegrationMag.it: Noi ovviamente insistiamo sugli aspetti innovativi. Per Panasonic, nei prossimi mesi la sfida si giocherà più sul versante delle prestazioni pure o sulle features extra?
Stefano Tura: Pur avendo una gamma prodotti davvero molto ampia Panasonic focalizza la propria azione nel mercato sopra i 5.000 ANSI lumen, quindi nel mercato delle prestazioni elevate. Allo stesso tempo però aggiungiamo alle nuove generazioni dei nostri prodotti diverse features extra, quali la gestione avanzata del warping, le interfacce 3G-SDI, le funzionalità 3D o la connettività Digital Link conforme al protocollo HD-BaseT. Direi che puntando verso la fascia alta del mercato è inevitabile che prestazioni e caratteristiche avanzate crescano parallelamente nei nostri nuovi modelli. Parlando nello specifico dei prodotti Solid Shine sicuramente il punto di svolta sarà rappresentato dalla potenza luminosa, quindi dalle prestazioni, ma anche in questo caso accompagnate da caratteristiche e funzionalità avanzate che saranno sempre più diffuse sui proiettori professionali.

IntegrationMag.it: Lo scorso aprile abbiamo pubblicato la notizia che il vostro PT-DZ21K ha ottenuto il Technology Award for Innovation nella categoria “Proiettori commerciali oltre i 10.000 ANSI lumen”. Quel proiettore in particolare, nonostante sia un prodotto molto recente, ha già fatto parlare molto di sé: lo abbiamo infatti visto all’opera in alcuni eventi di tutto rispetto! Ti posso chiedere ci puoi già raccontare qualche case-history di rilievo per quanto riguarda la serie Solid Shine e sui prodotti di fascia alta?
Stefano Tura: Per quanto riguarda i proiettori Solid Shine è ancora presto, perché le vendite sono cominciate solo nel 2013. Abbiamo diversi progetti prestigiosi sui cui stiamo lavorando, ma è ancora troppo presto per parlare di case history. Sui proiettori di fascia alta, uno su tutti il PT-DZ21K, abbiamo un paio di case history di assoluto rilievo, a partire dai Giochi Olimpici di Londra 2012, per arrivare alla spettacolare proiezione in videomapping sulla porta di Brandeburgo a Berlino. Case History che non servono solo a dar prestigio al marchio ma che dimostrano l’affidabilità dei nostri prodotti selezionati dai maggiori professionisti del settore per l’utilizzo in contesti irripetibili come quelli sopra citati, in cui non ci si può permettere di “fallire”.

IntegrationMag.it

Rimani aggiornato con le ultime news su tecnologie e prodotti dedicati all'integrazione dei sistemi!

Rimani aggiornato con le ultime news su tecnologie e prodotti dedicati all'integrazione dei sistemi!

CLICCA QUI PER ISCRIVERTI!

You have Successfully Subscribed!

Vai alla barra degli strumenti