Soluzioni visual immersive e spettacolari, digital signage, conference per Panasonic ad InfoComm

Panasonic era presente ad InfoComm con la consueta forza visuale che ormai tutti gli riconoscono. Oltre alle novità cui faremo riferimento più avanti, Panasonic ha saputo coniugare tecnologia e prodotti insieme ad un impatto visivo e di coinvolgimento che ben descrivono le potenzialità applicative e i risultati che si possono ottenere con tali soluzioni tecnologiche.

Il primo effetto “wow” se l’è conquistata la proiezione grandangolare da 183° eseguita grazie ad un’unica ottica fish eye ET-D75LE70 ad alta risoluzione montata su un proiettore 3 chip DLP 4K. Le immagini erano proiettate all’interno di una porzione di sfera ricreando così, grazie anche alle immagini vivide e ultra-definite, un contesto totalmente immersivo ed emozionante. Anche la luminosità e il fuoco periferico erano perfette. Un’ottica perfetta per essere impiegata in contesti particolari come parchi a tema, musei, strutture per eventi di qualsiasi dimensione e installazioni artistiche.

Un secondo “wow” va per la Balloon Cam che nasconde una soluzione apparentemente semplice quanto evidentemente geniale: una telecamera PTZ remotata appesa al centro di una sfera vagamente ellittica sulla quale vengono proiettate le immagini riprese dalla PTZ. Un esempio “classico” può essere quello di un evento sportivo in uno stadio, come dalla mini-installazione dimostrativa presente allo stand, dove il “balloon” viene proiettato con le immagini del pubblico astante.

Panasonic, dopo ISE 2017, naturalmente ha portato anche a InfoComm il sistema LinkRay, una soluzione di trasmissione di informazioni e comandi informatici che viene inviata a smartphone o tablet dell’utente per mezzo della modulazione della luce LED dei display compatibili o di appositi frame illuminati a LED. In termini di hardware il sistema LinkRay prevede una serie di display  insieme a un alimentatore e un generatore di modulazione di ID che consentiranno di trasmettere le informazioni utilizzando sorgenti LED applicate ad insegne e pannelli luminosi, sistemi di illuminazione ad incasso o a soffitto, e moltissime altre possibili sorgenti luminose immaginabili.

Ad InfoComm Panasonic ha perfezionato ulteriormente la dimostrazione del sistema di auto tracking che abbiamo visto ad ISE 2017 in cui viene combinata una ripresa eseguita con una telecamera PTZ, un  sistema di tracking e un proiettore che proietta immagini su una persona in continuo movimento.

Sul versante novità prodotto, la casa nipponica ha mostrato i display della serie SF2 da 43″ e 65″ e la serie SF2H da 70″ e 80″ e con tecnologia LinkRay. Entrambe le serie montano un pannello IPS FullHD a retroilluminazione a E-LED pensati per digital signage o altri usi 24/7, applicazione ideale anche grazie al media player USB integrato, funzionalità a singolo schermo o multischermo, aggiornamento dei contenuti USB via LAN e software di scheduling e gestione contenuti.

Per le tecnologie touch è stato presentato il display 4K TH-75BQE1 interattivo e utilizzabile come whiteboard con fino a 10 tocchi simultanei e funzionalità di cattura video e immagini di ciò che avviene sul display, funzione estremamente utile per le applicazioni education.

Tra i nuovi proiettori, oltre all’ottica grandangolare ET-D75LE70 che abbiamo citato, Panasonic ha presentato il PT-RZ21K che abbiamo visto ad ISE. L’RZ21K è un proiettore a sorgente allo stato solido laser SOLID SHINE DLP a 3 chip da 20.000lm (21.000lm al centro). Tra le caratteristiche ideali per il mondo rental e medi e grandi eventi l’RZ21K offre soluzioni degne di nota e dedicate, come l’installazione libera a 360°, una grande varietà di ottiche intercambiabili in comune con le serie di proiettori DLP a 3 chip, connettività DIGITAL LINK per una distribuzione del segnale video e di controllo via LAN perfetta per quei contesti live ed eventi dove le distanze e la posa del cablaggio rappresentano sempre una criticità, gestione avanzata di proiezione multischermo capace anche di controllo luminosità e colore per ogni singola unità.

Per i mercati conference e produzioni video Panasonic ha mostrato la PTZ 4K AW-UE70, la PTZ per esterni AW-HR140, la PTZ HD AW-HE130 e la AW-HE40. La AW-UE70 è una telecamera caratterizzata da funzionalità particolarmente interessanti come la registrazione o streaming via IP 4K integrati ed è dotata di una ricca varietà di connessioni di uscita in HDMI, USB, LAN e 3G-SDI ed è disponibile sia in finiture bianche che nere. La AW-HR140 è una 3MOS IP65 che assicura una qualità dell’immagine di altissimo livello in un design ultra resistente, impermeabile, resistente a polvere, vento e salsedine, e dotata di spazzola e di funzione di compensazione delle vibrazioni Pan-Tilt per installazioni in contesti esterni estremi.

La AW-HR140

Degno di nota è il server hardware dotato di software AW-SF200 di Auto Tracking che consente di remotare fino a 4 PTZ con funzionalità di controllo sul movimento ancora più avanzate e precise rispetto la versione precedente SF100.

Info: Panasonic

 

Vai alla barra degli strumenti