Matrice modulare e Extender HDMI di Lindy, la soluzione definitiva per l’Allianz Stadium di Vienna

Nel corso degli anni, Lindy si è contraddistinta per l’alta qualità e affidabilità delle sue soluzioni A/V, dall’ampissima gamma di soluzioni di connettività ai più avanzati KVM Switch, dai più innovativi accessori per soluzioni HDTV alle soluzioni di distribuzione come le potenti matrici modulari scelte per la prestigiosa installazione all’Allianz Stadium di Vienna di cui avremo modo di parlare in questo FocusOn. Uno dei prodotti che ha segnato un cambiamento importante per la multinazionale tedesca è infatti la matrice modulare Lindy. Grazie alla flessibilità dei modelli 8×8, 16×16 o 32×32, le matrici modulari Lindy riescono ad essere il prodotto perfetto per ogni sistema di distribuzione A/V perché progettata per gestire dei segnali generati da molteplici dispositivi con diversi formati di connessione e con controllo centralizzato. In ragione della sua qualità, flessibilità e affidabilità, la matrice modulare Lindy è stata scelta come soluzione per il live streaming nelle aree business dell’Allianz Stadium di Vienna.

In quest’articolo riportiamo quali sono state le necessità del progetto e vedremo da vicino le soluzioni installate e le caratteristiche del prodotto.

L’Allianz Stadium di Vienna è una grande costruzione inaugurata nel 2016 con un’amichevole precampionato tra la squadra di casa, Rapid Vienna, e la squadra inglese del Chelsea. La sua capienza è pari a più di 28.000 persone, quindi stiamo parlando di uno stadio che può ospitare anche eventi sportivi internazionali, e la sua forma, nonostante la pianta quadrata, ha una forma tubolare anche in tribuna. L’Allianz Stadium, oltre ai classici posti a sedere, in cui possiamo considerare anche i 2500 posti business della tribuna d’onore, ha inoltre 41 salotti VIP e due sale per eventi da 80 metri quadrati. Questi spazi “oltre-tribuna”, progettati appositamente per ospitare presentazioni, conferenze e attività formative, sono luoghi appartati, dotati di monitor di grandi dimensioni e distribuzione audio, in modo da non perdersi nulla di ciò che avviene in campo. L’azienda Habegger si è occupata dell’allestimento tecnico dell’Allianz Stadium, installando l’apparato illuminotecnico e acustico, i banner pubblicitari, i videowall e i display distribuiti in tutto lo stadio, compresi gli spazi VIP e le sale.

Il progetto nasceva dalla necessità di trasmettere in tempo reale i segnali A/V su 81 display, il tutto ovviamente suddiviso nei vari ambienti sopra citati e in altri ancora non menzionati. Nel particolare, nell’area business del primo livello, all’incirca 1800 mq, erano previsti 34 monitor e un grande videowall composto da 9 display, mentre nell’area del secondo livello il videowall sarebbe stato composto da 8 display mentre il numero dei monitor non sarebbe cambiato. All’interno del Bar Rekordmeister e nel resto degli spazi dell’intero stadio erano previsti degli schermi e un videoproiettore per un numero di 81 punti in cui il gioco sarebbe stato trasmesso in diretta. Quindi si iniziò l’installazione che presupponeva l’uso di un sistema di TV via IP, quindi chilometri di cavo di rete distribuiti lungo tutto lo stadio, per arrivare ovunque fosse necessario. Una volta installato però il sistema non trasmetteva le immagini in tempo reale ma con una elevata latenza, problema tipico dei sistemi IP in progetti di così grandi dimensioni. A questo punto le energie spese per distendere tutti i metri di cavo di rete e i costi di tale azione non potevano andare perdute. E’ proprio a questo punto che Habegger ha deciso di utilizzare la matrice modulare 16×16 di Lindy, assieme a degli Extender A/V per trasmettere i segnali HDMI in tempo reale attraverso la rete.

L’ARTICOLO PROSEGUE NELLE PAGINE:

LINK UTILI:

Rimani aggiornato con le ultime news su tecnologie e prodotti dedicati all'integrazione dei sistemi!

Rimani aggiornato con le ultime news su tecnologie e prodotti dedicati all'integrazione dei sistemi!

CLICCA QUI PER ISCRIVERTI!

You have Successfully Subscribed!

Vai alla barra degli strumenti