Iron Fairies, creazione del designer Ashley Sutton a Hong Kong, può contare su K-array

La particolare conformazione degli immobili dell’isola di Hong Kong è sovente in grado di rendere difficile la vita a molti consulenti acustici e integratori di sistemi. Club, bar e ristoranti hanno bisogno di soluzioni ingegnose non solo per non cozzare con gli interni creativi ma anche per fornire impianti di diffusione sonora poco invasivi e spesso in locali con soffitti bassi.Gli impianti devono essere discreti per armonizzarsi con l’arredamento, ma devono pur sempre fornire la pressione sonora necessaria per far muovere chi è sulla pista da ballo e nello stesso tempo mantenere l’intelligibilità necessaria per fornire il sofisticato sottofondo che ci si aspetta in un raffinato ambiente ricettivo.

In tali locali si trovano spesso impianti K-array e c’è stato un recente aumento di installazioni in alcuni dei più nuovi ristoranti dell’isola. Iron Fairies, la più recente e fantastica creazione del designer australiano Ashley Sutton, è uno di questi locali. Sutton ha fatto ricorso a tutta la sua esperienza nell’estrazione di minerali di ferro per ricostruire un interno originale, ricreando una fonderia vittoriana in ferro, legno, mattoni e cuoio completato da 10.000 farfalle conservate, sospese dal soffitto e alcune fate di ferro (appunto Iron Fairies) per completare la scenografia.“L’impianto sonoro originale è entrato a far parte del pacchetto di progettazione per riprodurre principalmente morbida musica lounge. Tuttavia la crescente popolarità di questo bar sotterraneo lo ha trasformato in un club con i migliori DJ di Hong Kong e concerti dal vivo”, spiega Marc Vincent, responsabile vendite APAC di K-array.

Questo cambiamento di target ha richiesto ad aprile l’installazione nel piccolo locale di un nuovo impianto K-array per fornire elevate pressioni sonore a breve distanza necessarie per DJ e performance live. L’installazione, effettuata da un consulente locale di A/V consultancy V Group, è costituita da un impianto principale L-R con Axle-KR802 per lato, ciascuno costituito da tre elementi di array coassiali Dragon-KX12 appesi in un array orizzontale, e il subwoofer da doppia 18 pollici Thunder-KMT218.

“La configurazione bassa del soffitto non ha lasciava spazio sufficiente per nessuna soluzione verticale”, continua Marc. “La soluzione KRX802 ci ha permesso di montare orizzontalmente tutti i sei diffusori compatti KX12. I due subwoofer attivi da 18 pollici sono stati facilmente nascosti sotto le pedane che portano ai privée. Questi array orizzontali poco invasivi sono in grado di riempire lo spazio di Iron Fairies con una copertura potente e uniforme”.Due ulteriori KX12 rinforzano i livelli audio sul lato sinistro e destro della stanza mentre sei monitor a cuneo a basso profilo Turtle-KRM33P, tutti alimentati da un finale di potenza Kommander-KA84, fungono da fill passivi per ognuno dei sei privée. Sul palco sono utilizzati cinque monitor attivi a due vie Frog-Is FP8 da 8 pollici, quattro per i concerti e uno per i DJ-set.

Conclude Marc “La discrezione dei nostri diffusori è stata veramente determinante per il successo di questa installazione. Non solo i proprietari sono incredibilmente soddisfatti dei risultati, ma hanno anche ordinato altri sistemi K-array per locali che hanno problemi estetici simili”.

Info: K-array

Rimani aggiornato con le ultime news su tecnologie e prodotti dedicati all'integrazione dei sistemi!

Rimani aggiornato con le ultime news su tecnologie e prodotti dedicati all'integrazione dei sistemi!

CLICCA QUI PER ISCRIVERTI!

You have Successfully Subscribed!

Vai alla barra degli strumenti