Il regno del video professionale al ProLight+Sound 2014

Al ProLight+Sound l’apporto di prodotti e tecnologie video è certamente di gran lunga ridotto rispetto la mole di audio. Se quest’ultimpo ìmpera, il video qui ha un piccolo regno, un principato. Ciò che però ci insegna l’integrazione dei sistemi è che queste interazioni e integrazioni possiedono la proprietà di essere catalizzatori di nuove opportunità, consentono di aprire e percorrere nuovi canali e ipotesi applicative, impongono di cavalcare il più frequentemente e costantemente possibile il moto ondoso delle soluzioni più innovative. Vediamone qualcuna.

Indice dei contenuti:

Alfalite

Alla ricerca del difficile equilibrio tra redazione delle news degli attori di mercato ben consolidati e la ricerca di nuove realtà ad alto potenziale, abbiamo visitato lo Alfalite, costruttore spagnolo di ledwall e videowall votati per l’installazione, il broadcast, eventi e produzioni.

Durante la nostra chiacchierata (off-air!) recepiamo il considerevole potenziale alla luce dei progetti già realizzati o in corso di perfezionamento in Italia e nel mondo, a supporto di aziende, produzioni ed eventi di altissima caratura ed importanza. Grandi progetti di aziende “piccole” spesso consentono di fare il big step, espandere ed aggredire i rispettivi mercati nazionali e di caratterizzare ancora meglio la propria produzione all’insegna della qualità e affidabilità.

Il catalogo Alfalite prevede serie indoor e outdoor composti da numerosi moduli ledwall da appendimento, stacking e da pavimento, sia nei formati tradizionali, con proporzioni 1:1, sia con modelli flessibili, a drappo e con differenti HV ratio.

Info: Alfalite

[torna all’indice]

 Bosch

 Iniziamo con Murat Keskinkilinc, Product Marketing Manager per il settore Conference, per il DCN Multimedia, un sistema di conference multimediale di alto livello. La piattaforma è basata sull’archietettura di rete Omneo di cui parleremo più avanti e permette di condividere ed integrare audio, video, contenuti multimediali per meeting con un’interfaccia hardware touchscreen con un display capacitivo ad alta risoluzione. I partecipanti al meeting possono così condividere documenti, illustrare presentazioni ed accedere alla rete e alla condivisione. Bosch ha integrato nel dispositivo un microfono fortemente direttivo ed un sistema di altoparlanti a due vie. I settaggi audio consentono una taratura fine basata sull’acustica ambientale, con un sistema automatico per la soppressione del feedback acustico, progettato per preservare la massima intelligibilità del parlato anche ad alti volumi. Complementare al sistema il software DCN Multimedia Webcast Application che permette di portare il sistema di conference e meeting DCN Multimedia in web casting su internet, consentendo ai partecipanti di accedere a dati, documenti, votazioni, eccetera.

Ethan Wetzell, Platform Strategist ed esperto a livello globale del sistema OMNEO, con una perizia e una professionalità di esposizione veramente fuori dall’ordinario, ci introduce questa soluzione di media networking di Bosch. OMNEO utilizza protocolli standard e aperti (AVB e Dante per la parte di trasporto, mentre OCA, Open Control Architecture per le funzionalità di controllo) ed offre funzionalità estremamente flessibili ed avanzate per la creazione di reti multimediali in grado di assicurare una bassa latenza, un controllo e monitoraggio completo dei dispositivi in remoto, la possibilità di integrare ed interfacciare sistemi di paging, intercom, sistemi conference e molto altro. Tutto questo in un dominio di sistema che vanta affidabilità, ridondanza e protezione dei contenuti e degli accessi.

Per i prodotti audio di Bosch potete andare all’articolo “L’impero dell’Installed Sound al ProLight+Sound 2014”

Info: Bosch Security Systems

[torna all’indice]

 MXWendler

MXWendler (device+content) è un’azienda tedesca con sedi a Berlino e Weimar, sviluppano software e hardware dedicato per il playout video multi-schermo per eventi, performance, broadcast e installazioni audiovisive. L’azienda è una spin-off di un progetto universitario dell’ateneo di Bauhaus dal quale è stata creata una società con un’attività produttiva e commerciale a pieno regime.

Il media server MXWendler FXServer è stato disegnato per permettere scenari di proiezione e playout ledwall complessi, applicati a molteplici ambiti produttivi e di installazione. L’FXServer consente di gestire i media, modificando, conformando e distribuendo i contenuti in real-time (3,5 frame circa) verso sistemi complessi di proiezione, display, multi-schermi o ledwall. Il sistema hardware offre fino a 6 uscite VGA/DVI/SDI. A corredo dell’hardware il software Stage Designer permette di gestire i media e le uscite, anche in assenza dell’hardware dedicato, sia su piattaforme Windows che Mac OS.

Info: MXWendler

[torna all’indice]

BroaMan

Lo stand Optocore + BroaMan ha voluto esporre tradizionalmente i propri prodotti ma ha anche esposto un esempio pratico di applicazione di queste tecnologie, interconnettendo bidirezionalmente l’audio, il video e i dati (Ethernet) del proprio stand con gli stand Digico e ClearCom utilizzando un ring in fibra full-duplex tra i tre punti.

Accanto ad Optocore troviamo proposte le soluzioni di BroaMan, azienda che opera nel settori del video e audio professionale, installazione e broadcast, offrendo soluzioni di distribuzione, multiplexing, routing e intercom. Una delle soluzioni più interessanti di BroaMan è il protocollo DiViNe, Digital Video Network, il quale permette il trasporto, distribuzione, lo split/switch (inteso come duplicazione, ripetizione dei segnali) e il routing di molteplici feed audio/video 3G/HD/SD-SDI (fino ad 80 canali video) attraverso connessioni in fibra ottica. I sistemi DiViNe annoverano moduli con I/O coassiali e ottici, router, ripetitori e multiplexers.

L’epoca dell’interazione e dell’integrazione, di cui Optocore e BroaMan possono esprimerne un veicolo tecnologico, ogni tanto porta a incidenti e ingerenze inaspettate, ma comunque simpatiche; se guardate l’outtake nel finale capirete perché!

Info: Optocore BroaMan

[torna all’indice]

 Panasonic

In un mondo in cui la commistione tra entertainment, installation e integration diventa predominante, dopo aver fatto sfoggio di tutte le proprie armi tecnologiche all’ISE, Panasonic al ProLight+Sound si ricava uno spazio espositivo rappresentativo e di tutto rispetto anche nella moderna agorà di un PL+S tradizionalmente votato esclusivamente all’entertainment. D’altra parte nessuno più si stupisce di fronte a proiezioni e videowall nelle venue del live, né tantomeno ci si stupisce che gli operatori e le aziende che hanno da sempre operato nel settore degli eventi stiano cercando di aprirsi nuove opportunità, più o meno collegate al live, legate all’installazione, al visual, al display. Senza ombra di dubbio Panasonic è un riferimento per questi mercati e per una brand awareness, nei propri settori, seconda a nessuno.

Marco Shulz, appassionato e motivatissimo Product Application Manager di Panasonic Gmbh, ci spiega i vantaggi della tecnologia lampless dei nuovi proiettori con sorgente luminosa laser, rappresentati nello stand dal PT-RZ670 con tecnologia Solid Shine e dotato di ben 6.000 ansi lumen. Per chi fosse ancora a digiuno di questa nuova tecnologia, ideale sia per applicazioni tradizionali nell’installazione quanto per il mondo rental, potrebbe trovare molto interessanti le parole di Marco, riassumibili in 20.000 ore di maintenance free, riduzione considerevole del TCO (Total Cost of Ownership) nel medio periodo, elevata luminosità e definizione. Come adozione, evoluzione ed integrazione dell’HDBaseT Panasonic propone il Digital Link per creare un sistema di trasporto e distribuzione audio – video e controllo, ancora più potente e flessibile tra device che supportano il Digital Link e compatibile con i sistemi di terze parti che supportano l’HDBaseT.

Per il mondo del display, digital signage, videowall, lo stand Panasonic espone un sistema di schermi dal bezel ultra narrow per garantire la massima continuità della superficie visuale, accanto a proiettori a ottica ultra corta e proiettori in appendimento e in modalità di accoppiamento stacked, in una configurazione espositiva dalla ricetta comprovata e di successo ereditata dalla passerella allestita all’ISE di quest’anno.

A nostro avviso la novità più eclatante, per noi che guardiamo al ProLight+Sound con uno sguardo forse un po’ diverso da quello della maggioranza dei visitatori tipici di questa fiera, è il prototipo della nuova consolle luci Panasonic! La Panasonic Soffa, oltre al proprio nome leggermente curioso, promette di offrire un’interfaccia e un design innovativi, user-friendly, pratici ed eleganti per una consolle che potrebbe essere ideale per il congressuale, l’educational, piccoli e medi eventi e performance. La consolle è dotata di 12 fader per 99 pagine più un grand master. Possono essere utilizzati 2 tablet, uno collegato alla console e uno per la gestione remota ed ha un sistema Wi-Fi integrato. La consolle offre due porte DMX512 e 4 universi Artnet. Sarebbe molto interessante considerare le opportunità applicative se questa consolle luci potesse supportare oltre al DMX e Artnet, il Digital Link e HDBaseT, da interfacciare a un sistema di playout video per proiettori, ledwall, videowall, o altre soluzioni creative visual.

Dopo un’interessante chiacchierata con Kenji Ota, il Project Designer giapponese che ha progettato la Soffa, e con la Lighting Designer e consulente Panasonic Azusa Ono, la stessa Azusa-san ci presenta con entusiasmo e simpatia questa novità che la Lighting Business Division di Panasonic ci anticipa. Nell’eterna guerra tra tecnici audio, tecnici video e tenici luci, Azusa-san ci garantisce che la Soffa è estremamente facile da utilizzare e da programmare, per chiunque, dai bambini agli anziani, e addirittura dai tecnici video agli uomini audio!

Info: Panasonic

[torna all’indice]

 Monacor

Allo stand Monacor incontriamo con piacere Giulio Morsellino, Managing Director di Monacor Italia. Abituati a un certa prolissità di molti product manager, rimaniamo gradevolmente sorpresi dalla pragmatica e concisa presentazione di un business-man la cui natura professionale conduce ad’estrema sintesi l’enorme mole di nuovi prodotti che Monacor presenta ogni anno, oltre alle ragioni reali e la natura del nostro lavoro: “Questi sono i nostri prodotti, se vuoi approfondire contattaci”.

Durata del video: 1 minuto esatto. Se non avessimo fatto fatica a rincorrerlo e a stare dietro alla sua fulminea presentazione gli avremmo già venduto questo video come spot fatto e finito per Monacor Italia!

Giulio ci presenta le linee di prodotti Monacor più interessanti e rappresentativi per l’industria dell’installazione: i sistemi di Voice Alarm e PA certificati EN-54, i sistemi di videosorveglianza e dome cameras, i sistemi di paging, diffusori per l’installazione.

Se volete approfondire: Monacor, non rimarrete delusi!

[torna all’indice]

 Gefen

Allo stand Gefen abbiamo appuntamento fisso con Luca Enea Spilimbergo, Regional Manager per l’Italia. A dimostrazione della propria professionalità e conoscenza dei prodotti, Luca anche quest’anno vince il premio per la Migliore e Unica Presentazione Video Senza “Ehhh” e Senza Necessità di Editing.

Lasciamo direttamente a Luca l’esposizione dei prodotti Gefen presentati al PL+S 2014: i sistemi di distribuzione video over IP, il nuovo Multiviewer e switcher HDMI, il processore e controller per Videowall 2×2 con compensazione del bezel, e la linea di extender Gefen, tra cui l’extender HDBaseT 4K con POL (Power Over Link) UHD 4K HDMI ELR, l’extender Wireless lossless per segnali HDMI, il nuovo HDMI Detective Plus. Apprezzate il video.

Info: Gefen

[torna all’indice]

 Euromet

Si potrebbe pensare che gli accessori siano “accessori” rispetto ai prodotti. Ma certi accessori possono rappresentare il punto di forza per un’installazione, spesso più di molti “prodotti” di per sé. Tant’è che sono moltissimi i professionisti e le aziende costruttrici (e non) che ben conoscono i prodotti Euromet. Là dove si richiede la massima qualità dei sistemi di appendimento e di supporto per diffusori e display, là dove è imprescindibile la sicurezza, solidità e qualità dei materiali, precisione di regolazione micrometrica dei supporti per sistemi di videowall e di proiettori, i “prodotti” Euromet possono fare la differenza.

Da Euromet facciamo subito una chiacchierata con la mente creativa e tecnica di Euromet, Franco Stacchiotti, apprezzandone come sempre la passione e il talento che investe nella propria azienda. Cristiano Traferri, Direttore Commerciale di Euromet, invece ci illustra alcuni supporti da muro per diffusori e per display con regolazioni di tilt e pan al micron, il supporto per display “Platea” acquistato in grandi quantità da Google Corporation e i supporti per sistemi videowall “Infinigrid”.

Info: Euromet

[torna all’indice]

 Coolux + Christie

Per la serie dei fantasmagorici IntegrationMag Awards (IMA), Coolux, con la partnership di Christie, si aggiudica il premio per lo stand più creativo e suggestivo della fiera, almeno per il settore installation. Al fine di dimostrare appieno le potenzialità e la versatilità dei propri media player Coolux si è affidata ai sistemi di proiezione e display Christie attraverso i quali l’azienda tedesca è riuscita a creare una superficie di proiezione e display che si estendeva sulla totalità assoluta dell’area e delle pareti dello stand.

Allo stand Coolux non riusciamo ad incrociarci con Marco Castellazzi di Molpass, distributore per l’Italia di Coolux, a causa della solita maledizione dei tanti appuntamenti in sempre poco tempo. Appena Marco parte per il rientro in Italia ci affidiamo dunque a Hans Stucken, Marketing & Communication Director di Coolux. Hans ci presenta il media player dual FullHD Compact Player, un media player dalle dimensioni compatte ma dalle performance elevate ideale ad esempio per il digital signage, applicazioni museali. Altra interessante soluzione è l’ID Tag, un sistema di tracciamento del movimento miniaturizzato e dotato di beltpack e che può essere indossato da relatori, attori o altre persone o oggetti in movimento per i quali sia necessario un sistema di position tracking. L’ID Tag si presenta come un body pack collegato con un mini-USB ad una piastrina molto piccola, grande come una moneta da 2€ o poco più, magari come un 2€ tedesco che come sapete è leggermente più grande di quello italiano. Nel video una ragazza diversamente teutonica ci aiuta nella dimostrazione dell’ID Tag. Gli ultimi due prodotti che vedremo nel video sono il NetLink per il Pandoras Box, un modulo di rete dotato di I/O, e l’EDID Link, un generatore EDID.

Info: Molpass Coolux

[torna all’indice]

 Analog Way

Lo stand di Analog Way si presenta alquanto affollato e durante la lunga chiacchierata durante il nostro appuntamento abbiamo potuto osservare un notevole interesse per i prodotti dell’azienda francese. Analog Way realizza prodotti ideali per numerosi campi applicativi, certamente l’installazione, il conference, l’educational e il broadcast, ma i sistemi Analog Way offrono molteplici soluzioni anche per contesti live e per eventi di ogni ordine, mercati per cui la fiera di Francoforte è tradizionalmente votata.

In un ventaglio piuttosto ampio di prodotti composto da switchers video e presentation switchers, matrici video, Multiviewers, convertitori multi-formato e sistemi di edge blending, nel video approfondiamo in particolare l’Ascender 32, uno switcher multi-schermo 4K con 12 ingressi seamless su ben 42 input totali (6 HDMI, 9 DVI-I con supporto Dual Link, 3 Display Port, 6 HD15, 6 DVI-A e 12 3G/HD/SD-SDI), 4 uscite con Preview-Mosaic-Monitoring indipendenti, 4 layer più layer background; una macchina di tutto rispetto. Complementari agli switcher sono i controller dedicati Vertige e RK-350. Il primo per applicazioni, eventi e installazioni di media e grande portata; il secondo rappresenta invece una soluzione più compatta per impieghi ridotti rispetto alla prima, ma ugualmente dotato di estrema flessibilità e immediatezza d’uso. Tra i controller annoveriamo anche il software RCS, che è compatibile con qualsiasi sistema operativo dotato di browser internet con supporto Flash e che permette una gestione estremamente avanzata delle macchine collegate, come ad esempio la gestione dinamica delle snapshot, funzionalità drag and drop, fino a 5 operatori per device, e molto altro. Infine, i nuovi driver per l’interfacciamento con sistemi AMX e Crestron espandono notevolmente l’integrazione e l’articolazione di sistema.

Info: Analog Way

[torna all’indice]

 

(*) Foto di Pietro Sutera – (**) Foto di Petra Welzel

Rimani aggiornato con le ultime news su tecnologie e prodotti dedicati all'integrazione dei sistemi!

Rimani aggiornato con le ultime news su tecnologie e prodotti dedicati all'integrazione dei sistemi!

CLICCA QUI PER ISCRIVERTI!

You have Successfully Subscribed!

Vai alla barra degli strumenti