D&R Design & Retail: un nuovo utilizzo della luce negli spazi di vendita

Lo scorso Giovedì 19 Aprile si è svolto a Milano, presso la sede Assodel nel cuore del Fuorisalone e della Milano Design Week, un’interessante convegno dal titolo “D&R Design & Retail” in cui si è trattata la progettazione degli spazi, il corretto utilizzo della luce e l’importanza dell’interazione tra tecnologie e professionisti.

Il convegno è cominciato con una descrizione dello scenario attuale a cura del direttore generale di Tecno, Elena Baronchelli che ha evidenziato l’esigenza odierna di trattare gli spazi con una finalità di efficienza energetica, ma che presto si tramuterà in soddisfazione delle esigenze delle persone che vivono questi spazi, con una serie di opportunità, incluse nuove prospettive per i progettisti.

Proprio Carlo Ratti, noto architetto, docente al MIT di Boston e protagonista dell’Opening Address di ISE 2018, di recente ha dichiarato che il digitale non ha ucciso lo spazio, ma ha cambiato totalmente il modo di progettarloFisico e digitale si stanno quindi combinando in uno spazio ibrido per mezzo dei concetti di “Internet of Things” e al nuovo approccio al “Design Thinking”. Oggi più che mai è quindi necessario arrivare all’interazione tra architetti, designer, system integrator, Lighting Designer e altre figure professionali, lasciando zero spazio all’improvvisazione e ponendosi come obiettivo comune la realizzazione di ambienti che siano prima di tutto piacevoli da vivere.

Con queste premesse, è stato ideato un momento di confronto tra professionisti del lighting e aziende che hanno trovato nella luce nuove innovazioni che vanno al di là della semplice illuminazione.

Ad aprire le danze è Marco Frascarolo di Fabertechnica che ha posto la luce come fondamentale elemento di coesione tra architettura, arte e design, e ha portato l’esempio dell’installazione di Casa Italia, in Brasile, in occasione delle Olimpiadi di Rio: una creazione corale sviluppata insieme a vari progettisti e interior design, incentrata sulle aree funzionali, evitando un’eccessiva spettacolarizzazione della luce, a vantaggio della valorizzazione delle opere d’arte e design.
Dopo una rapida carrellata su alcuni progetti e concept realizzati in tutto il mondo, da Macao a Roma, Marco Frascarolo ha concluso il suo intervento dichiarando che “La luce non è più un ‘punto esclamativo’, ma un elemento immersivo che in ambito retail è in grado di imprimere una svolta nell’esperienza di acquisto”.

Walter Lutzu, Lighting Designer, Vice-Presidente AILD e collaboratore di IntegrationMag e del network Light Sound Journal, ha invece messo l’accento sul corretto utilizzo della luce attraverso il know-how proveniente dal settore entertainment per dare vita ad un nuovo modo di vivere l’ambiente retail. Lo spazio di vendita è visto come un autentico palcoscenico dinamico dove si applicano i concetti tipici dell’illuminazione di scena. Solo in questo modo il consumatore ha la possibilità di sentirsi protagonista di uno show a lui dedicato, attraverso un processo di enfasi sensoriale che solo un professionista con un solido background di ore investite in teatro e giorni e giorni di tournée, è in grado di concepire e realizzare. Così attraverso l’uso sapiente di tecnologie, questo processo offre la possibilità di gestire scenari, di stimolare la curiosità verso un determinato articolo e di riconfigurare con maggiore facilità il rig luci durante la fase di ri-allestimento di un punto vendita.

Francesco Paolo Russo, Founder e CEO della startup italiana To Be ha invece dimostrato con una serie di utili case history, che la luce, attraverso la tecnologia Li-Fi (Lighring Fidelity) può essere considerato come strumento per trasmettere informazioni. Grazie al Li-Fi, secondo Russo, la luce può essere considerata come punto di riferimento nodale all’interno di un network di relazione, e che permette di connettere i sentimenti della vita al mondo digitale, di associare le emozioni alle risposte tecnologiche. Un esempio su tutti è To Be Kids, la lampada intelligente sviluppata da To Be in collaborazione con TIM, e che, attraverso la tecnologia LiFi, offre all’interno di un portale specifico contenuti sicuri e selezionati per bambini (giochi, libri educativi, cartoni animati, ecc.).

Chiude la carrellata di interventi Giovanni Marafelli, VP Worldwide Sales di Xicato, realtà californiana di rilevanza mondiale che è riuscita a ridefinire il futuro delle sorgenti luminose con una nuova prospettiva: “Internet of Lights”, concetto che considera la luce, con le varie device presenti ormai ovunque, come strumento ideale per lo scambio di dati e veicolo di interconnessione tra gli oggetti.
A partire da queste basi Xicato ha dato così origine a Galaxy, una soluzione wireless network basata sull’open standard Bluetooth, decentralizzata, “intelligente”, sicura, scalabile e interoperabile. Anche per Marafelli non bisogna concentrarsi solamente sull’importanza delle tecnologie, ma è necessario stimolare l’interazione tra professionisti in grado di esaltare le soluzioni per trasformarle in servizi e per suscitare emozioni in chi le vive.

Quello di “D&R, Design & Retail” è uno dei tanti appuntamenti proposti da Assodel che di fatto anticipano e preparano ad un’occasione unica di vedere espressi ancor più pienamente esempi concreti e nuove soluzioni che avranno luogo all’interno di ILLUMINOTRONICA (Bologna, 29 novembre – 1 dicembre). Bologna sarà anche l’occasione per vedere all’opera il concetto di interazione non solo tra tecnologie ma soprattutto tra professionisti, i veri attori protagonisti di un mercato che, come abbiamo visto, sta affrontando nuove sfide e nuovi cambiamenti.

Design, tecnologia, professioni e le ultime tendenze del LED lighting e dell’IoT saranno alcune delle tematiche che ILLUMINOTRONICA proporrà a Bologna dal 29 novembre all’1 Dicembre 2018, attraverso un’ampie area espositiva, tre aree demo, spazi laboratorio, arene e gallerie tematiche, interventi e convegni di professionisti del settore. L’evento è promosso da Assodel (Associazione Distretti Elettronica – Italia) con il patrocinio delle principali Associazioni di categoria: AILD – ALBIQUAL – ANCE BOLOGNA – ASSISTAL – ASTER – CNA BOLOGNA – COMUNE DI BOLOGNA – CONFARTIGIANATO – CONFCOMMERCIO – CRIET – ENEA – ENOCEAN – FAST – KNX ITALIA – ORDINI PROFESSIONALI – SIEC – SISTEMA IMPRESA – UNAE.

Info: www.illuminotronica.it

Vai alla barra degli strumenti