L’installed sound, controllo e soluzioni rental di dBTechnologies al PL+S 2018

dBTechnologies ha proposto al PL+S 2018 un aggiornamento della serie INGENIA, con l’INGENIA RDNet EH. Si tratta di diffusori attivi progettati per funzionare sia insieme sia individualmente ma che possono anche essere accoppiati senza l’uso di cavi utilizzando la tecnologia a infrarossi integrata che rileva la presenza di un secondo diffusore.

Una procedura guidata d’installazione a bordo configura automaticamente il sistema per fornire la migliore copertura utilizzando il set di altoparlanti montato. Il set up viene ulteriormente ottimizzato grazie alla possibilità di controllo remoto aggiunto, tramite il protocollo Rd Net e il software Aurora Net.

Si ricordi infine che Aurora Net è il software che può essere utilizzato per controllare e gestire la gamma completa di prodotti di dB Technologies.

Presente anche il nuovo diffusore attivo a 2 vie, Opera Unica 12. Con un valore nominale di 132db SPL, questo altoparlante compatto e leggero (solo 15kg) è perfetto per il mercato degli strumenti musicali, così come per le più piccole società di noleggio o produzione.

ProLight + Sound 2018 ha ospitato l’anteprima mondiale anche del VIO L212, un line array attivo decisamente interessante per la sua ingegnerizzazione interna. È anche la prima europea del compatto VIO L208, che ricordiamo può essere ascoltato ogni giorno nelle sessioni demo all’aperto insieme al singolo subwoofer attivo da 18″ VIO S118R.

Certamente protagonista L212, progettato dal reparto R&D di dB Technologies con lo scopo di ottenere SPL importanti ma, soprattutto, cercando di mantenere dimensioni e peso contenute. In questo senso è da rimarcare il grande lavoro che è stato fatto nella progettazione e nella realizzazione degli “shape” interni, con l’espediente che vede il raccordo del reflex dei woofer da 6,5” funzionare come “parete” della guida d’onda per il caricamento dei due driver  da 1,4”.

Tra le altre features citiamo un altrettanto originale e mai visto prima ad ora sistema per il riconoscimento del Power-On sequence denominato IPOS e che è in grado di mandare e ricevere informazioni tra i cabinet semplicemente attraverso segnale wireless a contatto (tecnologia mutuata dai dispositivi cellulari per intendersi…). Nel back del cabinet è posizionato, oltre ai tipici controlli a trim che gli utenti dB avranno imparato a conoscere, lo slot modulare per il networking (di fabbrica è montato il modulo per RDNET) il comodissimo lembo posteriore per proteggere dagli agenti atmosferici e le varie connessioni analogiche e di alimentazione. Tornando alla griglia anteriore ci hanno fatto notare la presenza di un LED laser visibile a grande distanza per identificare il singolo cabinet in fase di testing e qualora si presentasse il bisogno. Semplice e ingegnoso.
Abbinato al nuovo subwoofer attivo VIO S218, L212 è in grado di offrire prestazioni di alto livello, senza dimenticare la compatibilità acustica con il più piccolo 210 che può essere usato come down-fill.

Info: www.dbtechnologies.com

Leggi lo speciale completo sul ProLight+Sound 2018 su ZioGiorgio.it eLightSoundJournal.com

POSTED BY 

Adam lives and works in the South East of the UK. Since a young Age, Adam has had a strong interest in Music and Technology. Whilst Studying Physics, Adam attended East Sussex Academy for music to study Music Technology, before graduating with a Honours Degree in Audio Production from SAE London (School of Audio Engineering). He has engineered for a variety of bands and theatres across the UK, as well as performance venues across Europe.

Vai alla barra degli strumenti