CAME Safety and Comfort, sicurezza e automazione da Panama a Parigi

Vi segnaliamo questo Case Studies di CAME Safety & Comfort, azienda che da oltre quarant’anni opera nel settore della Home & Building Automation, che ci porta a conoscere cinque progetti di automazione all’avanguardia nel mondo.Ogni progetto urbano, dal più piccolo al più vasto, ha bisogno di una gestione calibrata a seconda della sua complessità, nella quale nessun passaggio viene lasciato al caso; a maggior ragione quando vengono coinvolte le ultime soluzioni nel campo della domotica e dell’automazione, che rendono necessaria una pianificazione sin dalla fase di progettazione.

CAME Project Department nasce proprio per questo: un interlocutore globale che aiuta comuni, enti, comitati organizzativi, ma anche paesi stranieri, nella gestione di ogni sistema di automazione, su scala globale.  Ecco alcuni progetti dei progetti più importanti realizzati.

Uno degli eventi più recenti in cui CAME ha avuto il ruolo di partner tecnologico è stato Expo Milano 2015, per il quale è stato sviluppato un sistema di controllo e gestione degli ingressi pedonali e veicolari, dei parcheggi e delle infrastrutture del sito espositivo che consentisse l’accesso a più di 21 milioni di visitatori. Inoltre, il sistema doveva garantire la gestione centralizzata da parte delle autorità di sicurezza su tutti i 1.100.000 MQ del sito.

La soluzione è stata elaborata su misura per l’evento, in modo da rispondere nel modo migliore alle richieste del committente: i tornelli intelligenti, candidati al prestigioso premio Compasso d’Oro grazie al loro design, hanno permesso di filtrare il flusso di visitatori; le barriere automatiche hanno consentito un controllo più efficace del traffico veicolare. Sono stati sviluppati anche 20 tornelli speciali destinati all’ingresso di visitatori diversamente abili. Ma non solo: a questi si aggiungono anche sistemi di automazione per cancelli scorrevoli e dissuasori retrattili con camicia intercambiabile.

Chiusa di Miraflores, Canale di Panama. Trattandosi di un sito di estrema rilevanza internazionale, la priorità era di garantire il massimo livello di sicurezza, che da una parte non trascurasse tutti i varchi d’accesso posizionati nei punti critici della Chiusa e che dall’altra rispettasse i requisiti normativi internazionali. Per rispondere a queste esigenze, sono stati installati dei nuovi dissuasori ad alta sicurezza ONE50, certificati ASTM-F2656, equivalente al DOS e PAS68, per la gestione dei varchi in maniera sicura e automatizzata.

In Europa, più precisamente a La Valletta, Malta. Il Barrakka Lifts è nato dalla necessità di collegare la città alta al porto turistico, dove sbarcano quotidianamente i turisti delle crociere che approdano all’isola. Nel dicembre 2012 sono stati inaugurati due imponenti ascensori, collegati ad un sistema di accessi in grado di emettere biglietti attraverso delle casse automatiche, in modo da evitare l’impiego di personale. Il progetto ingegneristico, coordinato dal system integrator maltese Mekanika, è composto da un sistema di tornelli dotati di lettore di codice a barre, casse automatiche già menzionate e tornelli appositi per l’ingresso ai disabili. Ad oggi, l’affluenza di visitatori può arrivare a picchi di 2.000 persone all’ora.

C’è un pò di CAME anche in uno dei simboli della Ville Lumiére: la Tour Eiffel di Parigi. Il nostro intervento rientra in un piano di rinnovamento del primo piano del monumento, con l’integrazione di un pavimento di cristallo a 57 metri d’altezza, la costruzione di strutture ecologiche e un nuovo percorso accessibile anche ai diversamente abili. L’accesso al padiglione Ferrié è stato affidato ad un unico ed esclusivo gate riconoscibile dalla forma “a farfalla”, collegato ad un sistema domotico per l’automazione delle sue ali, sulle quali sono stati montati due motori FROG+ che muovono quasi 700 kg l’uno. Spostandosi sempre più verso il nord Europa troviamo CAME anche al The Lancaster, Londra. L’innovativa tecnologia XIP dei sistemi videocitofonici Bpt è stato ciò che ci ha permesso di essere scelti da SMC, il system integrator londinese partner di CAME, che si è occupato di ridurre la quantità di cablaggio nel complesso edilizio. Il sistema predisposto in questa struttura si compone di 23 posti esterni Digitha realizzati ad hoc, connessi in un’unica rete Lan sicura tramite 6 interfacce di rete ETI/XIP; il server garantisce il corretto instradamento delle comunicazioni audio e video fra i posti esterni e i 150 terminali touchpanel Crestron.

Ad oggi, i progetti realizzati dal CAME Project Department sono più di 3.000: in ognuno di essi abbiamo portato il nostro expertise e le nostre conoscenze, per un risultato finale che rispetta degli standard di qualità alti anche nei progetti più complessi. Sempre con lo stesso obiettivo: fornire una soluzione all’avanguardia ad ogni esigenza.

Info: CAME

Rimani aggiornato con le ultime news su tecnologie e prodotti dedicati all'integrazione dei sistemi!

Rimani aggiornato con le ultime news su tecnologie e prodotti dedicati all'integrazione dei sistemi!

CLICCA QUI PER ISCRIVERTI!

You have Successfully Subscribed!

Vai alla barra degli strumenti